domenica 27 settembre 2015

hai detto organizzazione?

Se c'è una cosa che non può mancare in una casa con tre figli, quella è di sicuro una buona organizzazione.
Spesso e volentieri mi è capitato di non annotarmi qualcosina "tanto me la ricordo", "si tratta di domani mattina, vuoi che mi scordi?", "questo me lo scrivo dopo", "oh, aspetta, lì è da riordinare, là da spazzare, il bucato da stendere, le merende da preparare, il dentista da chiamare per spostare un appuntamento... bon, ma entro dopodomani faccio tutto" e poi, puntualmente, mi perdo per strada.
Una cosa tira l'altra... e mi ritrovo con un caos disumano attorno e non so da dove cominciare.
Alla faccia della mia passione per l'organizzazione.

Dopo un'estate vaga ed eventuale, in cui le corse e rincorse dell'anno scolastico avevano lasciato il posto alla modalità vacanza-moooolto-free-style, mi son messa alla scrivania e ho ricominciato tutto da capo.

E' l'unico modo, a mio parere, per riprendere le redini di una vita, una famiglia e una casa piuttosto movimentate.

Punto 1
Agenda.
Fondamentale per non perdersi pezzi strada facendo, dagli orari scolastici e di lavoro, ai compleanni, agli impegni di qualsivoglia genere.

Punto 2
Pulizie di casa.
Altrettanto fondamentali per non doversi sottoporre a quei tour de force che mi disintegrano i week end con tutti i bei progetti fuori porta.

Punto 3
Attività fisica.
Lo devo dire? Fondamentalissima.
Per prendersi cura di sè, per darsi la giusta carica, per non perdere di vista me stessa in mezzo a tutto l'ambaradan in cui vivo.


Riuscire a padroneggiare questi 3 punti mi permette di non perdere la bussola anche nei periodi più burrascosi.
Quindi posso affermare di aver ripreso il controllo.
---Sospiro di sollievo---

Parliamone.



Agenda
Di questo ho già parlato ampiamente in passato, etichettati con agenda e agendi con me? si trovano tutti i post a riguardo. La mia agenda è praticamente la stazione di controllo generale in cui annoto la qualunque. Tutto tuttissimo. Che riguardi me, o papolo, o i figli, o tutti insieme.
Non c'è storia, non potrei vivere senza.
L'agenda convive con il quaderno di bordo (etichetta  che trovate sempre nel blog), in cui annoto le scadenze (bollette, buoni pasto della mensa scolastica, dentista...) e raccolgo tutto ciò che è strettamente burocratico (fatture, documenti per il bonus libri, per la dichiarazione dei redditi e via dicendo). 
Convivono in pace e si completano.

Pulizie di casa
Negli anni scorsi avevo studiato ben bene il metodo ORDINATA MENTE dal blog omonimo.
Pian piano avevo riadattato l'originale alle mie necessità e ai miei tempi.
Ma le cose cambiano. I figli crescono. I ritmi si adattano.
Quindi sono ripartita da zero, ricominciando a seguire le mansioni quotidiane che vengono puntualmente postate sul rinnovato gruppo chiuso di facebook Nata Disorganizzata. Elisa sta facendo un gran bel lavoro. La potete trovare anche nel suo blog Nata Disorganizzata, in cui parla dell'organizzazione di... qualunque cosa. Da leggere assolutamente, se ancora non lo conoscete.
Vi dico solo che in una settimana sono riuscita, mezz'oretta scarsa al giorno, a sgomberare completamente le scale e gli atrii (in una villetta a schiera su tre piani più interrato, avoja quanti spazi morti ci sono!) che stavano diventando un deposito ferroviario.
Il segreto?
Avere delle cose ben precise da fare. E un tempo scandito prestabilito.
In questo modo non ci si distrae, perché se vedo qualcosa "da sistemare" so per certo che ci sarà a breve il momento per quella specifica cosa. 
Insomma, evito distrazioni. Ecco.

Attività fisica
Ok. Per questo c'è poco da dire.
C'è molto da fare, invece.
Se c'è qualche problemuccio di salute, farsi fare un bel tagliando dal medico e poi via!
Decidere cosa si vuole fare, cosa pace e... iniziare a farlo. 
A giorni e orari ben precisi, come un qualsiasi appuntamento.
Senza scuse e senza "lo farò più tardi" perché sappiamo bene come andrebbe a finire.
Camminare, correre, seguire programmi video di home-fitness, andare in palestra, o (se avete un marito appassionato di palestra come papolo) scendere in cantina/palestra e darci dentro con bilanceri e manubri. 
L'importante è scegliere qualcosa che piaccia.
E farlo.


A una prima occhiata, avrei già dovuto essere a buon punto.
Tutto programmato, tutto preciso e sicuro.

Eppure mi capitava di perdermi ancora qualcosina per strada, magari un salto alla posta, o un libro da ritirare in libreria, ad esempio.

Ho iniziato ad utilizzare un quadernino apposito. 
Una specie di quaderno dei TO DO dove scrivermi esattamente le cose da fare in un determinato giorno. 
Tutte le cose.
Fosse anche la telefonata ai nonni per organizzare il pomeriggio seguente, o controllare sul sito della scuola gli orari dei professori.
Della serie scripta manent, se me lo scrivo, non posso dimenticarlo
Sì.
Potrebbe sembrare davvero una roba da matti.
Me ne rendo conto.
Eppure, se me lo scrivo e lo tengo sul tavolo bene in vista, posso dare un'occhiata e stare tranquilla che non perdo pezzi per strada.
Libero la testa dal dover ricordare un'infinità di piccole cose e sono molto più sicura di me.
E via via crocetto ciò che ho già fatto e anche la soddisfazione cresce.
In questo modo riesco a liberare le (poche) ore con i figli e dedicarmi di più a loro. Ammetto che questo è il punto che mi piace di più.

A che punto siete voi?
Casa, lavoro, impegni personali e familiari... come vi gestite?

6 commenti:

  1. mi piace un sacco! essere organizzati aiuta non poco. Io usavo moooolto adattato il metodo FlyLady, ma ho sbirciato il blog di Elisa e penso che aderirò al gruppo su fb. l'attività fisica....umh voglio inserirla di nuovo anche se la ferita mi da ancora problemini. Sai invece cosa mi incuriosisce un sacco???? la tua alimentazione!!! vedo che segui gruppi molto diversi su fb....dai facci un suntino. cosa è dentro cosa è fuori???? un bacio ai cuccioli uno gigante a te!
    Sara

    RispondiElimina
  2. Hai ragione sull'attività fisica non si transige...camminare per me non è solo un modo per muovere il mio corpo (da ex atleta non potrei vivere senza un po' di moto), ma soprattutto un modo per rilassarmi, staccare e stare all'aria aperta (ho la fortuna di abitare in campagna). L'organizzazione fondamentale, come l'agenda in cui segno tutti gli impegni...utilizzo quella del cellulare o banali post it attaccati alla porta di casa. Per le pulizie non mi piace avere schemi rigidi. Ho sempre avuto buon occhio ed il mio motto è : là dove serve, quando serve. La costanza è la chiave di tutto per me. Grazie per le dritte ora vado a sbirciare i siti che hai indicato! a presto

    RispondiElimina
  3. "Attività fisica
    Ok. Per questo c'è poco da dire.
    C'è molto da fare, invece. "

    :-D :-D :-D

    RispondiElimina
  4. re vai con l'organizzazione ...io uso la ma amica agenda e il telefono ...... per le pulizie conl'arrivo dell'ultima peste le cose non scorrono più come dovrebbero ma cistiamo lavorando....
    evviava l'organizzazione se no la casa ci inghiotte e ci divora ...
    veronica

    RispondiElimina
  5. ...io quest'anno mi sono ripromessa di mettermi di buzzo super buono, e di organizzarmi per filo e per segno...
    ci rivediamo a dicembre per vedere se siamo state brave a tener fede alle cose scritte?

    RispondiElimina
  6. Oddio, quando riprenderò anche io in mano la situazione???... e dire che i buoni propositi ci sono, ma tra il dire e... l'organizzare... 0-o

    Bello il tuo post, mi sa che a giorni alterni me lo rileggo! :)

    RispondiElimina

lascia un segno del tuo passaggio ^_^
mi piace sapere cosa ne pensi e chi sei... quindi firmati
altrimenti rischi che le tue parole finiscano nel cestino
senza che io me ne accorga!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...