mercoledì 1 luglio 2015

luglio è arrivato!

E' iniziato luglioooooo!
E qui fa caldo, c'è quasi sempre una leggera brezza, si gira tutti scostumati per casa. Dove scostumati significa solo vestiti il meno possibile, nei limiti della decenza, eh.

Una lunga settimana è passata dall'inizio dei corsi di recupero della nostra quattordicenne e la casa sta riacquistando una parvenza di ordine, i panni sono tutti puliti ed entro domani a mezzogiorno (spero) saranno tutti stirati, i sacchi dell'operazione decluttering continuano ad aumentare, ognuno con la propria destinazione.

Io e papolo siamo al terzo giorno vero di ferie e non ci pare vero.
Solitamente, negli anni in cui siamo stati in ferie lontano da casa, a quest'ora saremo già partiti da ...tre giorni, appunto, dopo una maratona di pulizie, valige, svuotamento frigo et similia, incastro bagli alla rinfusa.
Invece questa volta il rimandare di cinque giorni ci sta dando del tempo per renderci conto che siamo in ferie.
Sveglia ragionevolmente posticipata, faccende, pratiche burocratiche in sospeso da concludere, prenotazioni testi scolastici, pranzi e cene all'aperto, nel nostro micro-giardino, sbrinamento frigo e congelatore in fieri... robe così, di casa.

Volevo proprio soffermarmi su questi cinque giorni.
E sui corsi di cui parlavo la scorsa volta.

Al di là della decisione in sè, che abbiamo preso dopo una lunga riflessione, la faccenda si sta dimostrando in tutta la sua verità.
La nostra liceale sta imparando le regole base del francese, per dire.
Semplicemente l'insegnante che ha avuto per nove mesi non ha insegnato alla classe le regole della grammatica. E sembra sia una situazione che ogni anno si ripresenta nelle prime classi affidate a questa prof.

Diciamo che fortunatamente la prof che tiene questo corso ha capito e saputo colmare le lacune.
E lo farà per i prossimi giorni, per quanto possibile.

Ma la rabbia.

Non voglio soffermarmi su questa situazione, credo che il nostri disappunto sia chiaro ed evidente.

Diciamo solo che stando così le cose, la scelta di posticipare di cinque giorni la nostra partenza si è rivelata ancora più utile di quanto pensavamo.
Ogni giorno Chicca torna a casa rassicurata e più sicura di sè.
E questo ci basta.


Nel frattempo noi ci ri-impossessiamo del territorio, diciamo.
E ci prepariamo al viaggio.
La signora che ci affitta l'appartamento è davvero gentilissima e ci ha spiegato tutto per arrivare a destinazione, per farci sentire più comodi, per farci sentire benvoluti.
Abbiamo l'amicizia su facebook (che mica siam qui a pettinare le bambole, eh!), quindi abbiamo ammirato lo spettacolo della zona all'alba, al tramonto, l'acqua cristallina, i paesaggi mozzafiato... non vediamo l'ora di arrivare!

Oggi la fase stiraggio sta andando a gonfie vele, mi sono solo tagliata un dito estraendo i ghiaccioli dalle forme in silicone per abbeverarmi. Sigh. Niente che un meraviglioso cerottino dell'Ikea (con tanto di missili e navicelle spaziali) non potesse arginare.
Ma non mi corre dietro nessuno, quindi pause coccolose per il seienne, momenti di alta cucina per la missione svuota-frigo-e-svuota-congelatore (zucchine in padella, pollo in qualsiasi cottura, patate lesse, pasta coi broccoli.... ehmmm...), elaborazioni con le perline Pyssla (beh, anche quelle si stirano!), sbirciatine su fb, su blogger, su instagram....
Non mi manca nulla ^_^
E domani finirò di scalare l'Everest-di-panni, promesso.

Domani sfodererò anche l'ultimo barlume di serietà-e-concentrazione e tirerò fuori la nostra lista delle vacanze, dove man mano, negli anni, abbiamo annotato ogni oggetto che va caricato in auto.

Poco fa ho anche ricevuto una fantastiliosa notizia: le settimane di ferie dal lavoro, per me, saranno ben tre!!!!! Yeeeeee!!!!
Non mi era mai successo, ma finalmente il responsabile ha capito che non potrò mai smaltire il monte ore di ferie e permessi se continuo a fare millanta ore a settimana.
Fiesta ^_^

Bene bene.

Ultimo aggiornamento: la resa dei conti.



E le nostre intenzioni?
Sì, a inizio anno abbiamo stabilito che avremmo risparmiato su tutta la linea, pur di riuscire ad andare in vacanza.
Ce l'abbiamo fatta!!!!!!
Abbiamo accantonato una somma sufficiente a pagare l'affitto dell'appartamento, più altri ottoeuroeottanta.
Abbiamo messo giù regolarmente qualche soldino, tirando la cinghia oltre l'immaginabile. Anche quando non ce n'era proprio più.
E quando dico così, non lo dico per finta o per esagerare.
E' questione di priorità.
Avevo seri dubbi a riguardo, in gennaio non avrei scommesso nulla sulle nostre vacanze. Invece pian piano, un piccolo passo alla volta ci siamo riusciti.
La soddisfazione di portare i nostri cuccioli nei paesi del papone (la Calabbbbbria!) è davvero grande.

E nulla.
Mi devo decidere a scrivere più spesso!
Decisamente!

Magari, appena esco dallo stiraggio selvaggio...


6 commenti:

  1. Oltre ad essere sommersa dai panni sono sommersa dagli scatoloni del trasloco...ma venerdì sera scappiamo in campeggio per il weekend! Giubilo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ewwiwaaaaaaa!!!
      buona fuga, che quanno ce vo', ce vo'!!! ^_^

      Elimina
  2. Belle notizie! Coraggio che l'agognato traguardo si sta avvicinando.
    Buona estate

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 24 ore. tra 24 ore saremo in partenza.... awwwwwwww.....

      Elimina
  3. Cara, che bello!!!! Buone vacanze...ve le meritate tutte!
    bacissimi e a presto...aspetto i racconti della vostra vacanza calabrese.
    Vivy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sicuro!!!
      e su fb (connessione permettendo) posterò i dettagli che ci stupiranno.... <3

      Elimina

lascia un segno del tuo passaggio ^_^
mi piace sapere cosa ne pensi e chi sei... quindi firmati
altrimenti rischi che le tue parole finiscano nel cestino
senza che io me ne accorga!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...