venerdì 1 maggio 2015

primo maggio 2015

Ah, è il primo maggio, ecco.

Non è una domenica in più, non è un sabato extra.
E' il primo maggio.

Ecco perché ho dormito un'ora in più, ho fatto workout e una speedy-doccia, ho fatto girare la lavatrice tutto il giorno, ho preparato il pranzo e la merenda e rassettato la cucina, ho lavato i pavimenti (due volte in due giorni: ma abito con i selvaggi???), ho pulito il forno (che ieri sera papolo ha fatto pollo arrosto in mia assenza e mi ha mandato una whattsappata "ho affumicato la cucina con il pollo al forno"... vi lascio immaginare le condizioni del mio povero forno...), ho piegato tutta la biancheria piegabile, ho riposto millanta mutande e calzini e asciugamani, ho pulito i bagni e ora non ho voglia di cucinare.
Papolo si è offerto di cucinare al posto mio.
Incrociate le dita.

No, perché se fosse sabato capirei.
Se fosse una domenica dopo un sabato in cui lavoro, capirei anche.

Ma perché pure il primo maggio?
Uff.

Perché sì.
Perché detesto rimandare.
Perché non mi piace stare nel casino a oltranza.
Perché riordinare e sistemare mi fa sentire mamma e moglie.
Perché s'ha da fa'.
Perché meglio farlo subito che tentennare e sentirmi dire "lo si può fare domani, anzi, dopodomani, che domani lavori".

Ecco.

E perché mi piace.
Mi piace prendermi cura.
Mi piace vedere la civiltà intorno a me.
Mi piace arrabbiarmi con i figlioli che lasciano i calzini sempre al rovescio, come pure maglie e pantaloni.
Mi piace preparare le cosette per i prossimi pasti, la colazione per domani.
Mi piace coccolare casa come fosse un altro figlio.
Mi piace gridare "Matteoooooo! Sotto al tuo letto c'è un mondo parallelo: vieni subito a radere al suolo questa nuova civiltààààà!". Una, dieci, cento volte ogni weekend.
Mi piace complicarmi la vita facendo quattro cose contemporaneamente e portarne a termine due, mentre ne inizio un altro paio con qualcuno dei miei figlioli.

Eccheccepossofa'.
Sono fatta così.


Poi mi siedo al pc e butto un occhio a facebook, che volente o nolente riesce a tenere aggiornato il globo minuto per minuto su ciò che fa il figlio della cugina della zia della vicina di casa del nonno, ma anche su ciò che succede nel mondo. A Milano, per esempio. 
Milano. 
Ragazzi, ma quanta stupidità c'è nel mondo.
Ma l'Ignoranza senza fondo proprio.

Dopo certi spettacoli pietosi mi rituffo di testa tra i panni da stirare e le coccole da distribuire in egual parte tra pargoli e papolo e ciao.

Mi spiace mondo, noi ti guardiamo da qui, dal nostro paesetto di provincia e non ci fai molta invidia.
Da qui abbiamo guardato i vari servizi ai tiggì, abbiamo commentato tra noi cinque i video in diretta dagli scontri assurdi della grande città e non abbiamo trovato un senso. Tantomeno un briciolo di intelligenza, tra quelle frasi sconclusionate, volgari e insensate di ragazzetti che "dove c'è casino io ci sto dentro".

Ma dove sarà finita la ragione?
Ma chi ha tramandato certi valori a quei ragazzi?
Peccato.
Peccato perché per i miei figli spero proprio un futuro migliore.
Spero che accompagnarli attraverso questi messaggi di vendetta e di violenza lanciati a caso verso il mondo, tenendoli per mano e riflettendo sul (non) senso di tutto ciò possa aiutarli individuare cosa NON VOGLIONO fare della propria Vita.

Ecco.
Un primo maggio splendido che ha ritrovato un senso.

10 commenti:

  1. Quei fatti orrendi di Milano........ Cose così ti fanno apprezzare la routine di casa. Sei magnifica. Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Come hai ragione! Meglio stirare che guardare un branco di inutili idioti.
    Un salutone

    RispondiElimina
  3. Comunque consolati che io abito con i selvaggi: quando sono tutti a casa il pavimento mi capita di lavarlo anche tre volte in un giorno (ovvero dopo ogni pasto!!!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. umamma!!!!
      io a volte alzo le mani e tappo gli occhi... altrimenti sarei sempre una Cenerentola ;-)

      Elimina
  4. Anche qui primo Maggio di fatica...è una rassicurante abitudine! ;)
    Anche l'inciviltà pare sia abitudine!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. #santificareilprimomaggio... non era un comandamento, vero? ;-)

      Elimina
  5. già che vergogna e che tristezza....

    Passando di palo in frasca...ti ho nominato in una specie di catena di S. Antonio tra bloggers :D di solito queste cose le salto a piè pari...ma visto che è per far conoscere altri blog mi è sembrato carino
    http://natadisorganizzata.blogspot.ch/2015/05/liebster-award-2015.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie di cuore Elisa!!!!!!!
      ho abbandonato tempo fa queste catene (per mancanza di tempo, soprattutto), ma questa volta mi organizzo per bene e arriverò a proseguire, promesso ^_^

      Elimina

lascia un segno del tuo passaggio ^_^
mi piace sapere cosa ne pensi e chi sei... quindi firmati
altrimenti rischi che le tue parole finiscano nel cestino
senza che io me ne accorga!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...