domenica 22 febbraio 2015

momenti, dettagli

Le 22,22 è l'ora più adatta per sedermi qui davanti al piccì a riaprire il blogghino, ti pare?

Dopo bronchite, tosse sparsa, raffreddori persistenti e tanto, ma tanto, ma taaaanto lavoro extra... finalmente un attimo di relax e silenzio.

Spesso mi dico "questo è un argomento bello su cui scrivere", oppure "ecco un trucchetto salvatempo che potrei condividere", o ancora "ricettina golosa: me la annoto perché piacerà sicuramente!".
Poi le ore scorrono come la sabbia tra le dita, i giorni si snodano via veloci come se fossimo in una macchina del tempo che raddoppia la velocità... e io resto con la mia lista inesausta di belle idee.



E poi capita quel giorno in cui finalmente il mondo rallenta un attimo e i figli mi rapiscono per ogni singolo minuto del tempo che avevo davanti a me.
E io li amo e li ringrazio per questo: mi costringono a dedicarci tutto l'Amore, il Tempo e le energie a nostra disposizione.

Tutte le mamme lo sanno, tutte le donne di casa lo sanno: quelle ore lì sono le più preziose, le più sacre della nostra vita.
Mai rinunciarci o rimandare.
Non tornano.
Mai.



E' per questo che con la scusa di coccolarci ancora di più per San Valentino ho creato una serie di cinque magliettine speciali: le nostre dediche, personalizzate, che indosseremo e ci faranno sentire una squadra anche quando non potremo condividere ogni minuto.



E poi ci sono dettagli che mi sorprendono con la loro intensità, piccoli segni che sparano i miei pensieri a periodi lontani e a ricordi dolci.
Come il rumore che le mie mani producono quando utilizzo il mattarello.
Ogni volta che stendo la pasta per la pizza o, come pochi giorni fa, l'impasto dei crostoli per ridurlo in una sfoglia sottile sottile:

... tic ... tic ... tic ... tic ... tic ... tic ... 

E' il rumore della mia fede (l'anello di matrimonio) contro il legno del mattarello, appunto.
E' lo stesso che sentivo da piccola quando a stendere la pasta era la mia mamma, oppure la mia nonna.
Uguale.
Quel rumorino così piccolo mi fa sentire bene, mi fa sentire che sto facendo una cosa bella,
Mi fa sentire che mi sto prendendo cura dei miei figli come la mamma e la nonna si prendevano cura di me (e di mia sorella e dei miei cugini...) facendoci sentire così famiglia.
E poi il dolorino che nei giorni seguenti provo al palmo delle mani.
E' come prolungare quel senso di coccola più a lungo possibile.
Non è un fastidio.
E' un segno di affetto e dedizione.




E poi ancora, mentre riordino almeno al volo la sala e mi imbatto nell'agenda del mio cucciolo piccolo.
"mamma, non toccare la mia agenda!"
"davvero Chino? è la tua agenda? anche io ne ho una!"
"lo so! è per quello che adesso ne ho una come te!"
"nella mia ci scrivo tutti i nostri impegni e le nostre giornate... tu cosa ci scrivi?"
"ci scrivo le cose importanti, eh! ...vuoi vedere?"
"sarei moltissimo contenta di curiosare con te nella tua agenda, se vuoi io ti mostro le pagine della mia.."
"evvivaaaa! dai mamma, mettiamoci comodi e curiosiamoci le agende!"

La mia agenda (ormai la conoscete bene) non è nulla in confronto alla sua: il seienne ancora non sa scrivere parole di senso compiuto in autonomia, ma sa copiare le letterine e soprattutto sa disegnare.
Ecco: nella sua agenda lui disegna tutto quello che ritiene importante e degno di essere ricordato.
Poi si avvicina e ti chiede di scrivere in grande un certo nome o una parola che gli serve per completare il disegno, così da poterla copiare.
Come quella volta che suo fratello giocava con un gioco di auto al pc e lo ha allontanato perché "troppo piccolo".
Oppure quella volta che mi ha aiutata a preparare i crostoli ( a quanto pare è un bel ricordo per entrambi ^_^ ).
O ancora quando ha giocato insieme ai cuginetti, a casa dei nonni.















Questi sono i dettagli dei giorni in cui sono stata assente da questo posticino speciale.
Queste sono le coccole che questa sera ho voluto farmi per poter cominciare la settimana che ho davanti a 10000 all'ora.


Mi piacerebbe conoscere le vostre coccole speciali, quei momenti, quei dettagli che vi permettono di ricaricare spirito e corpo quando il tempo vola e le giornate si susseguono a velocità supersonica... mi spiate i vostri  dolci momenti?


16 commenti:

  1. Risposte
    1. <3
      sopravvissuta! ora si riparte ^_^

      Elimina
  2. ciao Carla!!!!grazie per essere passata!
    come state? tutto bene? il vestito di spiderman...anche il ,mio piccolo avevo lo stesso vestito.....buone le chiacchiere....spero di sentirti presto, un bacione e buona settimana:)))simona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. qui sempre di corsa, ma mi sa che vale per tutte ;-)
      e niente: spiderman spaaacca, sempre ^_^

      Elimina
  3. Gli abbracci, gli abbracci, gli abbracci...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ma quanto mi piacciono gli abbracci <3

      Elimina
  4. Che dolcezza in questo post!!!
    L'agenda del tuo bimbo è bellissima...
    Un caro abbraccio
    Vivy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. <3
      si può dire che "ne avevo bisogno"?
      di dolcezza, taaaaanta dolcezza.
      e delle coccole del nano, poi... ;-)

      Elimina
  5. Tenerezza infinita, capisco bene quel che racconti e condivido appieno!
    Vedo i miei bimbi crescere e sono felicissima perchè ora giocano assieme, sono più tranquilli e autonomi...ma è proprio questa autonomia che mi spiazza e che mi porta a godermi quei momenti in cui loro Vogliono stare con me e farsi fare le coccole...
    Un abbraccio Carla,
    Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già. più sono indipendenti, più quei momenti insieme diventano speciali, perché vengono dal cuore e sono ricercati <3
      abbraccio anche a te ^_^

      Elimina
  6. tu sai che i miei figli sono ormai adulti, eppure......eppure arrivano ugualmente le " coccole dolci", quelle che davvero ti fanno andare avanti, pur tra mille impegni e problemi.
    Come il messaggio si Silvia, ieri sera. lei vive da sola, in quella che io chiamo " la casetta dei sette nani": finalmente ha realizzato il suo sogno della casetta in campagna, non lontano da Genova, in un posto che è un paradiso. ieri sera mi ha scritto " mami, la tua vestaglia mi fa un bel calduccio e mi abbraccia come se fossi tu a farlo.Grazie per avermela data." Ecco, mi sono sentita felice, davvero e mi sono addormentata sorridendo.
    La mia coccola è Tommaso che ha rubato dei rami di mimosa per me, da un albero e me li ha regalati. la mia coccola è Giulia che, messo a nanna il suo cucciolo, mi viene vicina sul divano e mi dice" Finalmente posso fare la figlia....mi fai un po' di coccole?"
    Goditi ogni singolo attimo dei tuoi meravigliosi bambini abbracciali per me Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e io piaaaaaango!
      è da quando hai lasciato questo commento che torno qui a leggere le tue parole e mi commuovo.
      troppo dolce <3

      Elimina
  7. I momenti speciali si possono riconoscere a distanza o possono travolgerti all'improvviso quando meno te l'aspetti e in quei casi lo capisci solo dopo ma per fortuna in genere non li perdo. Ieri abbiamo fatto i biscotti e poi mentre stavano cuocendo in forno, lui mi fa "mamma facciamo il rituale magico, così vengono bene". Mi ha guidato lui, facendomi mimare tutti i suoi gesti, l'ho fatto incantata e sarei stata li per ore...i biscotti sono venuti speciali!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. <3 <3 <3
      il rituale magico <3
      siete grandi!

      Elimina
  8. sei sempre dolcissima, smack!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. visto che sto tagliando gli zuccheri semplici... faccio scorta di dolcezze nel cuore... hihihi...

      Elimina

lascia un segno del tuo passaggio ^_^
mi piace sapere cosa ne pensi e chi sei... quindi firmati
altrimenti rischi che le tue parole finiscano nel cestino
senza che io me ne accorga!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...