lunedì 6 ottobre 2014

condividere i ricordi con i figli: emozioni fortissime

Quando non scrivo sono altrove.
Lo sapete.
Sicuramente non a dormire, nonostante tutte le mie buone intenzioni.
Scema io. Prima o poi imparerò.




Comuuuuunque, da venerdì mattina mi è stato impossibile accendere il piccì.
Venerdì lavoro 16-23, sabato turno sovrumano 8,30-23 comprensivo di tre ore al freddo e al vento per una partita di calcio, domenica spettacolare: abbiamo partecipato assieme alla mia mamma a un pellegrinaggio a piedi fino a un Santuario che non vedevo da tempo,  a Castelmonte.

Giorni intensi e piuttosto ingombranti: hanno debilitato il mio fisico (le scarpe per correre NON vanno d'accordo con sentieri e strade ricoperte di sassi, specialmente dopo tre ore in salita e due in discesa), hanno fatto saltare tutti i piani di pulizie che avevo programmato (la casa ora sembra è reduce da un tifone violentissimo), in compenso ci hanno portato una sferzata di emozioni fortissime.

Arrabbiatura da presa in giro nei turni di lavoro.
Che quando tra colleghi non funziona, la faccenda è tragica.

Ma felicità infinita nel trascorrere la giornata con i miei pargoli in un posto (Castelmonte, appunto) di cui ho un sacco di ricordi di ragazzina. 
Un posto che fa riflettere, che infonde calma, che rimette in contatto con sé stessi, anche dopo le burrasche della vita.




Una giornata di noi, di pace, di bosco e poco più. Di quadri (migliaia e migliaia ovunque) raffiguranti PGR ossia per grazia ricevuta. Che se anche uno non è credente, ti fanno riflettere sulla tua vita, sulla tua fortuna di ogni giorno.
E quella carica di fede che si respira a ogni gradino del Santuario.
E incontrare persone conosciute, lassù proprio lo stesso giorno per pura coincidenza, venute lì' a "far respirare l'anima".


E il percorso del rientro, ancora tra i boschi, questa volta noi cinque da soli.
Le castagne che ci chiamano "prendimi prendimi".
E si fanno apprezzare fin dal profumo, mentre arrostiscono in padella.




















Un fine settimana intenso, ricco e sconvolgente.

Ieri sera, dopo aver imbustato i ragazzi scatenati, mi sono concessa un momento per riassaporare la giornata, ripensare a quando quegli scalini li percorrevo con i miei amici, a quando comperavamo i nodi di liquirizia che ho dovuto fa assaggiare anche ai pargoli (ma voi ve li ricordate?), a quando quel pellegrinaggio era un appuntamento fisso di inizio anno (scolastico).

E ho ripensato alle facce curiose dei cuccioli nel percorrere quegli stessi corridoi, nello scorrere quei dipinti, nel rendersi conto della propria salute e della propria felicità.

Voi avete mai con diviso i luoghi speciali, gli angoli particolarmente significativi della vostra giovinezza con i vostri figli?
Come hanno reagito?
O avete condiviso con i vostri genitori quelli che sono stati cari a loro?
Che sensazione avete provato?

44 commenti:

  1. Sì, fatto quest'estate! Se sono luoghi a noi cari, trasmettiamo queste sensazioni ai nostri ragazzi, a volte anche senza volerlo!
    Gnam le castagne...mi hai fatto venire proprio voglia...mannaggia! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^_^ mi sa infatti che la nostra gioia nel visitare insieme quei luoghi familiari abbia influito non poco ;-)
      castagneeee ora ne avrei proprio voglia!!!

      Elimina
  2. Che meraviglia di posto Carla, vorrei tanto poter essere li! Che buone le castagne e come sono belle! Buona settimana! Baci :)

    RispondiElimina
  3. Proprio ieri siamo stati in campagna da amici dei miei genitori: un luogo che ho frequentato fin da piccola per diversi anni. Era proprio tanto tempo che non ci tornavo...ho portato con me il Fatalista e la bambolotta, proprio per quella voglia di condivisione di cui racconti nel post. Certo, per ora la bambina è troppo piccola, ma a me ha fatto bene ugualmente!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e che bello sarà tornarci e lasciare traccia nella sua memoria delle vostre emozioni positive ^_^

      Elimina
  4. Ho portato i miei figli, anche se piccoli, nel paese di mia nonna, nella chiesetta dedicata alla Madonna di cui lei portava il nome. Un luogo caro dove andavo con mia nonna, alla ricerca del suo passato di bambina...
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che bello! che ricordi!
      ti abbraccio forte ^_^

      Elimina
  5. Hai trascorso davvero una bellissima giornata ^^ Ti invidio! I luoghi che ci hai fatto vedere sono splendidi! E le castagne.. le adoro!
    Comunque ti capisco quando parli di colleghi di lavoro.. ne so qualcosa pure io. Ma poi che importa quando possiamo trascorrere fuori da lì un po' di tempo con le persone a noi care? :)
    Bel post! A presto...PollySilvia ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esatto! non sono quelli al lavoro i ricordi della nostra vita, no? ;-)

      Elimina
  6. io abito a Genova da quando avevo 4 anni, ma il mio " paradiso" è in un microscopico paese delle Marche, al confine con la Romagna, dove c'è ancora la casa dei nonni e dove si va ogni estate.
    Questo ho condiviso e condivido con i miei ragazzi:le mie radici.
    Loro amano quei luoghi come li amo io. Loro sono venuti con me a "pescare con le mani" al fiume, come facevo io da bambina. Loro hanno infilato bacche di rosa canina per farne collane, come ho insegnato loro a fare. Loro sanno annusare l'aria che cambia, quando cambiano le stagioni. Loro vengono con me al santuario, appena fuori paese e come me si perdono davanti agli ex-voto che decorano le pareti. Loro mangiano, come facevo io, le piadine con la marmellata. Loro mi dicono che lì è CASA. Ed ogni volta in cui siamo là, assieme- ed ormai capita raramente di esserci tutti, in contemporanea - capisco di avergli donato qualcosa di importante:le mie radici, le loro radici, quelle che saranno le radici dei loro figli e l'importanza di condividerle .Un grande abbraccio Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che emozione leggere le tue parole!
      spero di riuscire anche io a costruire insieme ai miei cuccioli dei ricordi così importanti e dolci ^_^

      Elimina
  7. Sì, fatto! E' semre emozionante. E' un momento intimo anche se poi magari arrivano domande tipo... ma perchè alla tua epoca c'era già???? grrrrrrrrrrrrrrr

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ecco. no.
      a quel punto vanno stroncati sul posto ;-)
      <3

      Elimina
    2. Acc... non mi è mai venuto in mente!!!!! :))))
      Ormai... è più alta di me.... :((

      Elimina
  8. chiossà che bello... posso solo immaginare, ma aspetto con curiosità quando anche il mio Gabry sarà abbastanza grande da condividere con me certi momenti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e sarai una mamma favolosa, anche nei suoi ricordi <3

      Elimina
  9. Che bello questo posto Carla! e le castagne!? ADOROOO!! Io l'ho fatto l'anno scorso, ma solo aveva 10 mesi! ma poterlo fare con il papà della creatura è stato altrettanto intenso ed emotivo... MA SAI CHE TUTTO MI SEMBRAVA PIU PICCOLO??
    Baciooo! e non lavorare tanto! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. verooooo!
      io ricordavo una piazza enoooorme lì davanti.
      ok è un piazzale grande... ma mica come lo ricordavo io! ;-)

      Elimina
  10. Certi posti ti rimettono in pace con il mondo. =)
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e alle volte sono un toccasana per l'animo ^_^

      Elimina
  11. Sto cercando di condividerne più che posso, quelli che sono restati per lo meno, e loro ne sono affascinati. Ogni luogo ha una sua storia, la racconto e loro son li (lui per la verità), ha farmi mille domande e a me sembra di tramandare tutta una vita!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è bellissimo? io lo trovo molto intimo e dolce, come leggere il libro della propria vita a voce alta ^_^

      Elimina
  12. E' bello mostrare ai propri figli posti in cui si è cresciuti, che hanno segnato qualche cosa di noi (come la "mia" montagna, questa estate)... chissà se un domani percorreranno le stesse strade con i loro figli...
    Anche noi nel fine settimana raccolta castagne.... troppo buone!!!! (le ho mangiate quasi tutte io!!!!) un abbraccio !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sììì anche io quest'estate ho mostrato loro la "mia" montagna ... bellissimo ^_^

      Elimina
  13. ho portato i miei figli nei posti di montagna dove ho conosciuto il loro papà e mi ha fatto un effetto strano, non te lo so descrivere...invece tempo fa portai mio marito nei luoghi in cui passavo le estati da bambina on i nonni, ho pianto

    RispondiElimina
  14. Che bello Carla! È proprio vero, condividere con i nostri fanciulli luoghi e "avventure" della nostra infanzia ha un sapore speciale...
    Un abbraccio e buona serata
    Mari

    RispondiElimina
  15. Ciao Carla posso solo immaginare quanto possa essere belli quei posti... le castagne!!! mi piacciono moltissimo ... buona notte ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche a meeeee! le amo ^_^
      buona giornata Manu ^_^

      Elimina
  16. Che pace Carla che mi hai trasmesso! In questo periodo manco un po' di spiritualità e mi dispiace molto. Spero di riuscire a fare qualcosa di simile per respirare un po' di pace.
    p.s. vedi che io ti aspetto per il conest!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se ne senti il bisogno, i posti certo non mancano ;-)
      mannaggia, ho condiviso il contest appena l'ho visto , spero di riuscire a pasticciare qualcosa ^_^

      Elimina
  17. Ciao tesora. Il fatto che io non commenti non significa che non legga... ma stavolta si!
    Vero. Quando visiti un luogo con i tuoi figli e sopratutto ti accorgi che i particolari che hanno colpito te sono gli stessi che colpiscono loro... beh, è emozione! A me è successo recentemente con il castello di Miramare ^-^
    Fortunella per le castagne, qui non le abbiamo :(
    Kiss Gi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. UUUuuuuhh, il castello di Miramare è bellizzzzimo ^_^
      ti spedirò una cassettina di castagne, allora ;-)
      :*

      Elimina
  18. condividere, vivere e sentire insieme a loro è fantastico!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sapevo che saresti stata d'accordo con me, Vero! ^_^
      le tue/vostre avventure lo dicono chiaramente <3

      Elimina
  19. Che meraviglia di post Carla!! Così pieno di emozioni come lo è stata la tua giornata! E le castagne?! buoneeee io volere *___*
    A proposito mi sa che vorrai farmi secca..... :/
    Ma sono felice adesso nonostante tutto, forse vengo anche attualmente presa in giro e riavrò il cuore spezzato tra 7 giorni, ma forse invece veramente qualcosa gli importo no?! Voglio tentare... chissà magari questa volta finisce bene... Speriamo!!
    Un'abbraccioneeee <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ok, sappi che sono qui pronta a spaccarti, eh!!! ;-)
      intanto viviti tutto il buono che c'è, ma sappi che mi fai preoccupare!!!
      un bacione immenso <3

      Elimina
  20. Beh, ovviamente sì. Tanti posti a noi cari sono diventati meta di gite e vacanze con nostro figlio.
    La cosa strana (coincidenza?) è che lui ha cominciato ad amarli quasi quanto noi e a considerarli speciali!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che bello che li considera speciali anche lui!!!
      però non credo sia così ovvio che si condividano quei ricordi e quei posti... ad esempio: io sì, ma maritozzo no.
      alle volta si racconta, ma davvero di rado...

      Elimina

lascia un segno del tuo passaggio ^_^
mi piace sapere cosa ne pensi e chi sei... quindi firmati
altrimenti rischi che le tue parole finiscano nel cestino
senza che io me ne accorga!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...