mercoledì 17 settembre 2014

ascoltare il proprio corpo

Oggi proprio me lo devo dire: sei una pirla!

Perché andare a cercarsele è cosa brutta e cattiva.
Andare a correre e rimanere a mezza strada a causa di dolori teribbbbili è da stupidi, soprattutto se a pensarci a posteriori sarebbe bastato prestare più attenzione ai segnali che il corpo mi stava dando.

Perché noi donne-aspiranti-Wonder-Woman (anche inconsciamente...) non ci fermiamo davanti a nulla, nemmeno a quel dolorino lì, a quel fastidio lì, a quel sintomo che ci sussurra 
"heyyyyy, dove pensi di andare? lo sai bene cosa ti sto dicendo: 
fermati, prenditi cura adesso di te, 
prima che io sia costretto a darti lo stop a viva forza!"
Ma noi NO. 
Noi avanti-tutta.
Capre.

Se uno dei nostri bimbi ci dicesse "ho il mal di pancia", "mi fa male un ginocchio", "mi pare che la testa mi scoppi"... noi non ci fermeremmo ad ascoltare la situazione con attenzione, forse?
E allora, perché non lo facciamo con noi stesse?

Parlo al plurale, perché so per certo che spesso e volentieri sentiamo un fastidio e ci diciamo "adesso passa", "non posso fermarmi", oppure "no, la mattinata dal medico proprio noooo!".

Quando impareremo che noi, il nostro corpo, la nostra salute in generale è importante sia per noi, che per tutta la nostra famiglia?

Vabbhe, scusate lo sfogo e il mea culpa, ma oggi mi detesto perché ho dovuto rimandare (quasi) tutti gli impegni a causa di cose così, sottovalutate e inascoltate.
Stupidaggini che si trasformano in problemini seri.

Non voglio tediarvi con i miei acciacchi causati (questo lo so per certo!) dallo stress e dalla tensione che mi porto avanti dall'estate (estate??? sì, dai, quella stagione che avrebbe dovuto stare tra giugno e settembre...).

Ma la riflessione che voglio fare con voi è proprio questa: quanto ci ascoltiamo?
Quanto diamo peso ai segnali che il nostro corpo ci manda?
E quanto invece ci trascuriamo con la scusa del "non ho tempo adesso"?

44 commenti:

  1. Come hai ragione! Ci ascoltiamo pochissimo e tendiamo a rimandare troppo il momento in cui ci prendiamo cura di noi.
    Tiriamo sempre fino a che non è tardi, finché il filo non si rompe.
    I segnali che il corpo manda restano inascoltati del tutto o in coda alla miriade di altre preoccupazioni o incombenze.
    Ma se non ci pensiamo noi a noi stesse, chi lo farà?
    E se stiamo male, chi si occuperà di tutto quello di cui ci occupiamo noi?
    E poi, forse, diamo un cattivo esempio ai nostri figli, soprattutto le figlie...
    Ti auguro di riprenderti al più presto.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci sto lavorando ;-)
      hai ragione da vendere: che esempio diamo ai nostri figli? pensiamoci!

      Elimina
  2. Mi dispiace tanto Carla! Spero non sia nulla di grave e che tu possa riprenderti al più presto!
    Curati e volliti bene! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi vollerò benissimo, lo prometto ^_^

      Elimina
  3. Tasto dolente! Mi sa che ci caschiamo in molte, forse troppe...
    Carla, poi facci sapere come stai: io un po' Wonder Woman mi ti immagino e mi fa strano e mi preoccupa saperti dolorante!!!
    Ora seguo il consiglio e vado a nanna che le forze non ci sono più: gli occhi si chiudono

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco, se non si dorme bene la notte poi si sbarella, ne sono un esempio ;-)
      qui il recupero è a buon punto, grazie ^_^

      Elimina
  4. Purtroppo capita spesso di trascurare la propria salute, e questo hai proprio ragione, non va bene! Mi dispiace cara Carla, ti auguro di riprenderti presto! Un abbraccio e buona notte :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Angela, oggi pit stop (per quanto possibile), va già meglio ^_^

      Elimina
  5. Sarà che siamo programmate per sopportare il dolore (vedi parto) e quindi tentiamo a pensare che sia normale sopportarlo sempre e sempre andare avanti.
    La nuova generazione però non mi sembra influenzata da questo modo di agire, anzi.... sembra immune.... meglio per loro... o no?.... ogni riferimento a persone che conosco da 18 anni è puramente casuale... =)
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh, mi sa che anche le persone di quasi quattordici anni che conosco rientrano nella categoria della nuova generazione ;-)

      Elimina
  6. hai ragione Carla, fermati e riposati un pò anche se non è per ninte facile...lo so....ti abbraccio e buona giornata:)simona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. maronna... bisognerebbe trasferirsi all'altro capo del mondo per un paio di giorni, eh! ^_^

      Elimina
  7. Carla spero che passi tutto in fretta, che i piccoli problemini una volta ascoltati e inquadrati smettano di dare fastidio! Ma un po' di riposo fa persino bene...
    E se vuoi saperla tutta, anche io ne avrei bisogno... perchè al momento il mio corpo lo ascolto, ma non ho tempo di esaudire i suoi desideri :-(

    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non oso immaginare, con un piccolino da crescere, poi!!!
      grazie e tranquilla: oggi pit stop forzato e si riparte con... calma??? ^_^

      Elimina
  8. Ti auguro di guarire in fretta...è vero dobbiamo sempre andare avanti anche quando si sta male...infatti il mio primo pensiero quando non mi sento bene è: oddio e adesso come facciamo!!! Invece di pensare alla mia salute..un baico grandissimo:):)^__^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già, non pensiamo mai "cavoli, devi sistemare me stessa, prima di tutto!"
      mannaggia a noi! ;-)

      Elimina
  9. Presente!!! Si tira sempre la corda fin quando si spezza e poi lo stop è forzato e sicuramente più prolungato di quanto non sarebbe stato se ci fossimo fermate prima. Ma sai che secondo me è una prerogativa femminile? Agli uomini non succede, anzi... Spero comunque non sia niente di grave. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Chiara, tutto molto meglio ^_^
      no-ti-prego... non affrontiamo la questione dal punto di vista maschio, va!!! ;-)

      Elimina
  10. 8 mesi con male alla spalla...ma passerà, mi dicevo... siamo donne..poi chi stira al posto mio??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eccola là!
      esatto!
      ma poi, chi stira in-ogni-caso? eeeehhhh???
      non farmici pensare...

      Elimina
  11. Da quando è arrivato Gabi ho migliorato certe abitudini, come il mangiare sano (soprattutto in fase allattamento) e fare più passeggiate all'aria aperta, però è anche peggiorata la mia attenzione per le cose che mi sento, proprio perchè il tempo per me stessa si è fortemente ridotto...hai ragione, bisognerebbe sempre pensare a noi stesse come stessimo pensando ai nostri cari, perchè per i nostri figli è importante anche che stiamo bene noi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco, è proprio così: se da un lato abbiamo più cura di alcuni aspetti, dall'altro trascuriamo altro!

      ps: ...che poi si diventa calve, eh!!! ;-)

      Elimina
  12. Assolutamente mai, sempre avanti a tutta birra, salvo poi collassare come nell'inverno scorso!
    Auguro cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma la vogliamo smettere???!!!
      che stupide che siamo, però... U.U

      Elimina
  13. Carla, non ti preoccupare che sei in buona compagnia... leggendo i commenti sopra me ne sonvinco ancora di più!
    Siamo fatte male, cosa ci vuoi fare? Sapiamo benissimo che se ci fermiamo noi il mondo continua a girare però ci crediamo invincibili a volte.
    Riposati adesso che i segnali sono così forti e rimettiti in forze presto.
    Sperando ovviamente che i disturbi non siano gravi!
    Ciao e un bacione. Ti abbraccerei anche ma non vorre pegigorare la situazione.... metaforico però te lo mando lo stesso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nuuuuu, l'abbraccio me lo prendo e me lo tengo stretto <3
      tranquilla Patricia, sono in fase di recupero ^_^
      ...ma sappiamo già che succederà di nuovo, vero? ^_^

      Elimina
  14. davvero....ma quando ci ascoltiamo? Quando ascoltiamo i segnali che il nostro corpo ci invia, dicendoci" fermati un attimo, prenditi cura di te".?
    Il problema è che poi non ci ammaliamo o abbiamo piccoli disturbi: tutto esplode!
    Fermati Carla, ascoltati davvero, prenditi tempo, spazio e, soprattutto, cura di te. Non farti prendere dalla " malattia" di cui ho sofferto per anni, quella che i miei figli hanno definito " sindrome di onnipotenza"!!Il mondo va avanti lo stesso, anche se noi siamo stese sul divano a leggere, magari ...facendoci servire un po'! un abbraccio grande Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo voglio!
      qui.
      adesso.
      subito subitissimo!
      questi tuoi commenti me li vorrei davvero incorniciare per rileggermeli e dirmi "e me lo aveva anche detto!" ^_^
      ti abbraccio forte!!!

      Elimina
  15. Purtroppo ti capisco...mi sto trascurando e non dovrei.
    Un abbraccio tesoro :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco.
      tu proprio dovresti avere una cura spaziale di te. e lo sai.
      impariamolo insieme, ti va? <3

      Elimina
  16. Ciao Carla mi dispiace molto sapere che non stai in forma, spero ti passi presto, anche perchè quel poco che ti posso conoscere per te restare tranquilla sarà un problemino!!!
    Il fatto di trascurarsi credo sia cosa molto comune a noi donne... ci piace temporeggiare!!!
    Un bacione ^____^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mamma mia, temporeggiare è anche poco, eh?!
      noi mettiamo in fondo al cassetto e via!!!
      che sciocche!

      Elimina
  17. ciao carissima .. alcune volte si pensa di non avere tempo per se stessi ... quando basterebbe poco davvero poco per migliorare la situazione e sentirsi meglio !!! e che alla fine noi donne facciamo per gli altri ma per noi stesse non si ha mai tempo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è proprio vero!
      basterebbe poco, un poco ogni giorno...

      Elimina
  18. Il dottore??? no, conosco solo il pediatra! ^_^ Scherzi a parte, è vero che noi mamme non ci curiamo abbastanza! Io lo dico sempre alla mia e poi faccio come lei! ^_^

    RispondiElimina
  19. Carla ma che mi combini? Spero niente di grave...spesso ci dimentichiamo di essere umane...pensiamo di avere super poteri ma in realtà siamo fragili...dobbiamo assolutamente prenderci cura di noi stesse, andare dal medico, fare controlli, fare prevenzione, lo dobbiamo a noi stesse ma soprattutto ai nostri figli che hanno bisogno di noi!!! Ti consiglio se posso, delle lezioni di yoga, aiutano a ristabilire la pace con noi stesse e ci aiuta ad ascoltare il nostro corpo...anche una volta a settimana, aiuta moltissimo, ci insegna a fermarci, respirare e ad ascoltare...
    Un grande abbraccio
    p.s: piano piano sto tornando ;-)
    Manu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Manu!!!
      hai ragionissima e magari prima o poi imparerò...
      intanto ho iniziato a bere molto di più, anche se già prima ero una idrovora, eheheh ^_^
      lo yoga... credo che mi farebbe bene...

      Elimina
    2. Ciao tesoro ecco brava bere fa benissimo...;-)
      Lo yoga sarebbe l'ideale <3
      Con questo post entri nella mia top fo the post di questa settimana ;-)
      Baci cara
      Buona serata
      Manu

      Elimina
    3. emozionata io <3
      grazie di cuore!!!

      Elimina
  20. Ho trovato talmente bello e vero questo post...che mi sono permessa di inserirlo nella mia Top of the post! Sono una "neo blogger", non ho molto seguito, ma spero di riuscire a fare un minimo da "cassa di risonanza" a questi tuoi pensieri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma grazie, grazie di cuore davvero!
      sei gentilissima! ^_^

      Elimina
  21. Parole sante!!!!!!!!!!!!!!!
    se ci ascoltassimo almeno 5 minuti al giorno ci risparmieremmo un sacco di grane....
    Ste

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mamma mia... e ogni volta abbiamo una scusa buona per non utilizzare quei 5 minuti, eh! ;-)

      Elimina

lascia un segno del tuo passaggio ^_^
mi piace sapere cosa ne pensi e chi sei... quindi firmati
altrimenti rischi che le tue parole finiscano nel cestino
senza che io me ne accorga!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...