martedì 22 luglio 2014

uomo in vacanza, uomo senza speranza

Si diceva, me lo ricordo bene, di un post sul ruolo dei nostri uomini.
Eccoci.
Ho sufficientemente sbollito le nubi iraconde che annuvolavano la mia testa e sono pronta a parlare di lui: il marito in vacanza.

La premessa a questo post è doverosa.
Io al maritino mio lo adoro, anche se sospetto che potrei averlo trovato in un pacchetto di patatine, tanta è la sua capacità organizzativa.
Lui ha le mani d'oro, sa fare un sacco di lavori e oggettivamente sono fiera della mia scelta.
Ma...
Ma.
Non chiedetegli di riordinare un solo attrezzo che abbia impiegato per lavorare. Non lo trovereste più. Si perderebbe nel buco nero del garage.
Lui lo sa, solo io potevo abbinarmi a un tipo così: gli manca proprio il gene dell'organizzazione e dell'ordine.
Io sono una pazza maniaca del detto "ogni cosa al suo posto, un posto per ogni cosa".
Lui è la mia mezza mela, o forse la mia mezza pera, o mezza arancia, chi lo sa.
Però è il mio dolce metà.

Il posto giusto per l'uomo vacanziero ancora non l'ho trovato, ma un'idea me la sono fatta, piuttosto precisa.
La vacanza ideale del maritino è il mare.
Della serie due cuori e un asciugamano, ecco. 
Tutt'al più aggiungici due paia di infradito.
No, il costume di ricambio non serve, tanto siamo al mare.
Letto-spiaggia. Spiaggia-letto.
Qualche volta casa-gelato.

Tutto il resto è dettaglio che non rientra nel suo quadro di insieme, per quanto tale dettaglio sia rumoroso, saltellante, colorato e ricco di iniziative altamente rischiose per l'incolumità dello stesso dettaglio. 
Per quanto i nostri dettagli siano tre e piuttosto esuberanti.
Per quanto lui ami alla follia i suoi dettagli.

Per questo motivo a lui, in periodo di vacanze, viene dato un solo impegno, anzi due.
"Tu occupati della macchina, della sua manutenzione, del carburante... e del vile denaro."
Ossia: provvedi a che non rimaniamo a piedi nel bel mezzo del nulla e che io e i nostri dettagli non muoriamo di stenti. Vai al bancomat, insomma.
Forse il fatto che le sue incombenze siano due è stato un tantino troppo.

In una bella giornata di pioggerellina senza fine, visto che il panorama dalla nostra terrazzetta era questo:


abbiamo optato per un bel giretto fino a Sauris, in occasione della Festa del prosciutto
Che a 'sti uomini tocca prenderli per la gola. Sempre.

Sììììì, dissero i dettagli.

Cartina geografica (anzi, la me precisina insiste per scrivere che era una carta topografica) mostra il tragitto al papolo, che, data una rapida occhiata, ha sentenziato "ma sì, tanto c'è Google maps".
La me rompina ha insistito per fargli notare gli incroci principali, i paesini che avremmo dovuto attraversare.
Contando che alla peggio in un'ora ce la saremmo cavata per quelle strade montane, siamo partiti alla volta di Tolmezzo (il centro abitato più grande della zona, ricco di servizi, distributori e banche), per poi prendere a salire verso Ampezzo e di lì a poco avremmo trovato Sauris.

Dopo una mezz'ora "speriamo che ci sia un bancomat, a Sauris"
"Scusa?"
"Sì, ho circa 10 euro in tasca"
"..."

Fortunatamente avevo insistito pochi giorni prima per fare il pieno di gasolio...

E niente.
Io già mi pregustavo gnocchi con la ricotta affumicata e simili prelibatezze...
Puff, fantasie svanite.

Dopo altri 10 minuti dico "papo mio, ma dovremmo già essere oltre ad Ampezzo..."
"Io seguo Google maps, ricordi?" ...lui non sbaglia mai, stavo scordando.
Altri 10 minuti dopo "ehmmmm, ma che ti dice la signorina del navigatore?" Sì, lo so, son peggio dei dettagli quando mi ci metto, ma è lui che mi ha scelta, questo lo sapeva già all'epoca.
"Dice che tra un po' (?) gireremo a sinistra"
"come a sinistra????" estraggo il libricino stradale che io stessa ho acquistato due anni fa, conoscendo il marito che mi ritrovo "la strada che abbiamo visto stamattina prevede che all'ultimo incrocio si svolti a destra..."

Il navigatore ci ha fatto fare in giro del globo per arrivare da qui a lì. Ma pork.

L'unica (enormissima) nota positiva, è che il giro infinito ci ha portati in posti spettacolari.
Giudicate voi (le foto sono state fatte con  il telefono e dalla macchina in movimento, abbiate pazienza...)




































robe da restare senza fiato, ve lo dico io...






Alla fine, dopo tipo due ore di girovagare tra i monti, siamo arrivati a Sauris.
Un posto meraviglioso in cui incontrare almeno mezza dozzina di persone che si conoscono, nonostante la distanza da casa.
















E poi, al limite della sopportazione dei pargoli (i dettagli famelici a questo punto non potevano essere ignorati a lungo) tradotto: "o ci date del cibo, o vi mordiamo un polpaccio" a cui avrei voluto rispondere serafica "accomodatevi, il papo ha dei bei polpacci succosi", abbiamo ispezionato il paese da cima a fondo, fino a trovare l'unico bancomat funzionante (anche perché altri non ce ne sarebbero stati comunque...).
E abbiamo assaporato il famoso prosciutto...




Lui lo mangia così.
"Ma amore, il prosciutto è all'altro capo del grissino!"
"mamma, io mi tengo il più buono alla fine"
Sempre meglio dei polpacci del papone.


Il dettaglio che alla fine delle vacanze stavamo per restare a piedi nel tragitto monti-casa ve lo risparmio.
Tanto ve lo immaginavate già...

Ditemi che ci sono uomini che il gene dell'organizzazione lo posseggono (e ne fanno buon uso), vi scongiuro!
Nel caso, ho una figlia da preparare al peggio!

33 commenti:

  1. Se il tuo uomo peggiora in vacanza, il mio genio è sempre identico a se stesso...dovrebbero riscrivere gli studi della percentuale di utilizzo del cervello umano apposta per lui! Ma si sa che il Fatalista è un gran risparmiatore...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hihihi... poveri uomini, che donne che gli tocca sopportare... siamo tremende, quando ci mettiamo, eh! ^_^

      Elimina
    2. Sì, sono terribilissima, ma lui se la ride perché sa che gli perdono qualsiasi cosa! Innamorata come una ragazzina...con l'arrivo della bambina ho perso ancora di più la testa

      Elimina
    3. in questo ci somigliamo parecchio... con tutte queste (e molte altre...) che ci combina, ci facciamo delle risate da farci venire il mal di pancia!
      che bello sentirsi così innamorati ancora e ancora <3

      Elimina
  2. mi sembra di rivivere momenti già vissuti!bellissimo il tuo racconto e ti capisco benissimo!un bacioneee simona:)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^_^ un bacione a te ^_^
      ho il sospetto che siamo in molte su questa stessa barca ;-)

      Elimina
  3. Tranquilla, Carla, non sono tutti così.
    Mio marito ha Google Maps nella testa e non ti perderesti con lui neppure volendo. Che sia in un centro abitato o in mezzo ad un bosco, dove tutto è uguale, oppure su un sentiero di montagna gli basta una sbirciatina alla mappa e memorizza tutto.
    Il navigatore in verità ci è stato regalato, ma è praticamente inutile per noi, anche se ogni tanto gli facciamo prendere aria ogni tanto "visto che c'è". In genere, comunque, dà indicazioni assolutamente assurde e poco sensate e non lo ascoltiamo mai.
    Mio marito è affidabile anche per quel che riguarda carburante/denaro a disposizione, mai avuto problemi.
    La vacanza ideale di mio marito è la montagna, anche se ama molto il mare, dove però non è di quelli che restano incollati all'asciugamano, anzi. Rifuggendo attività di animazione di ogni tipo (che noi detestiamo), è un uomo in perenne movimento. Non uno sportivo di quelli che fanno sport, perchè devono essere fighi, ma semplicemente, perché deve andare, scoprire, immergersi nel creato. Uomo e natura insomma.
    Io comprendo e ogni tanto assecondo, anche se le mie vocazioni sono altre e per me il relax è altro: è dedicarmi soprattutto ai miei hobby che, naturalmente, fuori casa sono spesso difficilmente praticabili.
    Apparentemente siamo inconciliabili eppure stiamo insieme da 22 anni. Ovviamente uno dei motivi principali di litigio è "andare o non andare" .....
    Ah, il concetto di "un posto per ogni cosa e ogni cosa al suo posto è abbastanza vago nella sua testa", ma è un uomo, Carla, non si può mica pretendere ....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. maronna, ma dove lo hai acquistato ;-) hehehe...

      Elimina
    2. Ah, no, aspetta, ora che mi fai ricordare l'ho conosciuto più o meno 42 anni fa alla scuola materna ....

      Elimina
    3. hihihi... allora hai avuto il tempo per sceglierlo per bene ;-)

      Elimina
  4. Simpaticissimo racconto di una vicenda personale. E... sì; affidarsi al navigatore, in alcuni casi, è controproducente.
    Un sorriso per la giornata.
    ^____^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un sorriso a te^___^
      chissà in quale tipologia ti ritrovi, in quanto uomo, dico...
      a me pare che l'organizzazione e l'ordine ti appartengano, o sbaglio? ^_^

      Elimina
  5. .......che risate, mi sembra di tornare indietro negli anni, quando i bambini erano piccoli......eravamo così giovani (..... e forse anche un pochino incoscienti......9 che si andava in campeggio al mare!Una bimba di sei anni, i gemelli di due anni, tutti in tenda! Anzi, due tende! Sai che significa preparare i bagagli, dovendosi ricordare persino il vasino? beh, io preparavo TUTTO ed il mio sposo.... i suoi bagagli! e la mattina alle 8,30 ero già in spiaggia mentre lui ci raggiungeva dopo circa 2 ore .... sì perchè gli uomini " hanno i loro tempi!", per fare colazione, leggere il giornale in pineta ecc.ecc
    Sai che ho fatto, un'estate? Potevo liberarmi dal lavoro solo l'8 agosto e li ho fatti partire per la montagna il primo!E quando sono arrivata ho trovato tutto perfettamente organizzato, con tanto di cartello appeso in cucina con i compiti quotidiani di ciascuno! e l'esperienza è servita a tutti....anche a me, che tendevo a voler controllare tutto!!!!Un grande abbraccio e scusa il racconto così lungo! Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow, allora ci faceva alla grande, eh!
      ecco, io sono come te in quegli anni lì, ma ho il fortissimo sospetto che se facessi una mossa simile, li troverei in albergo, ahahah!
      Emanuela... io adoro i tuoi commenti , non ti sognare di accorciarli, eh! ^_^ GRAZIEEEEE

      Elimina
  6. Cara Carla, i tuoi racconti/episodi di vita sono sempre un delizioso momento da concedersi. I navigatori? Bhè...a volte come recita Keypaxx sono davero arcani, per Maps, si...indispensabile. Buona giornata. NI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io sempre fedele alla carta, #noncelapossofare senza ^_^
      buona giornata a te ^_^

      Elimina
  7. Eh Vabbè dai! Che posti meravigliosi! Vorrei poter essere li! Troppo dolce il tuo piccolo che mangia il grissino al contrario! Bacioni :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^_^ felice che siano venute decenti, le foto, ci tenevo a condividere con voi questi spettacoli ^_^

      Elimina
  8. Anche al mio manca quel gene lì....mi sa che manca a tutti loro.... prepara pure la pargola....
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...speravo tanto che le toccasse una vita più facile ;-)
      ma si sta facendo il callo col papone, quindi si eserciterà qui ^_^

      Elimina
  9. Ai mariti manca sempre qualcosa! Altrimenti non sarebbe divertente...
    Col mio non ci perdiamo, anche perché il navigatore sono io...
    Non si muore di fame, perché la lista della spesa la scrivo io (e lui la lascia sul tavolo), le cose si trovano perché io mi ricordo dove sono state messe, ecc.
    In compenso è il tipo che ramazza il cortile e ti dice "se non ci pensassi io saremmo sommersi dalla polvere e dalle foglie"
    La dolce metà...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. va va va... che maritino bravo, che c'hai te!!!
      vuoi mettere che vita triste
      e tormentata in balìa delle foglie? ;-)
      hihihi...

      Elimina
  10. Ah ah ah simpatica come sempre, le foto finali una meraviglia......

    RispondiElimina
  11. Grandissimo papino!!!
    Anche io sono la regina dell'organizzazione dei viaggi in casa, ormai sono specializzata! Però a onor del vero, quello ordinato è lui: se metto a posto qualcosa io, è matematico che non la si trova più!!
    PS che bei posti...io nel mio blog racconto di passeggiate sulle Dolomiti venete e trentine: non conosco Sauris, ma devo dire che mi hai invogliato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...allora devo venire a curiosare bene... al maritino garba di più il mare, ma io adoro stare in vacanza... ovunque sia ^_^
      Che poi il Trentino... favolosissimo <3

      Elimina
  12. Carla... prepara tua figlia... forse è meglio!!!!! :))))))
    Al mio vengono le idee più strampalate in un secondo. Non me le dice perchè io dovrei essere preveggente e saperlo...
    Anch'io come te ero dell'dea ogni cosa a suo posto, un posto per ogni cosa. Credi che dopo quasi trent'anni di matrimonio lo sai ancora??????? Per carità! Se non mi adeguavo finivo al manicomio!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io per ora non mi arrendo, spero ancora di recuperare quel briciolo di rigore e logica che c'è nel suo profondo... molto profondo ^_^
      chissà quanto resisterò... hahaha!

      Elimina
  13. Ha ha ha...bello però dai! In fondo senza uomini ci annoieremmo no? Scherzo! Io non mi annoio affatto ;-)
    Vi adoro però te e la tua dolce e un pò matta famiglia! Baci ♡

    RispondiElimina
    Risposte
    1. matta?
      sì, mi sa che hai ragione ;-)

      Elimina
  14. ah ah ah mi piace la descrizione che hai fatto su tuo marito .. il mio fidanzato invece è l'opposto ... lui è quello maniacale della pulizia (non che le fa lui per carità ) vorrebbe tutto in ordine e tutto pulito tipo casa non vissuta ih ih immagina tu :) io sono molto disordinata invece pensa tu .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le pulizie non le fa... ma almeno tiene le sue cose in ordine!!!
      fortunella ^_^

      Elimina

lascia un segno del tuo passaggio ^_^
mi piace sapere cosa ne pensi e chi sei... quindi firmati
altrimenti rischi che le tue parole finiscano nel cestino
senza che io me ne accorga!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...