martedì 10 giugno 2014

cara Mammaalcubo, oggi #noncelapossofare neppure io

La conoscete la simpaticissima tag di  mamma al cubo      #noncelapossofare ?

Oggi sembra che il destino ci abbia riservato le meglio occasioni per partecipare...


Dopo le solite corse mattutine di consegna figli alle rispettive scuole (la grande ha dato il meglio di sé accumulando otto minuti netti di ritardo), il lavoro è iniziato con una mega riunione di quattro ore.
Segue corsa delle 12,45 a ripescare il piccolo all'asilo, dove la maestra mi ha consegnato i sandalini rotti (mancano solo due settimane al termine delle lezioni, mannaggia) e una bottiglia di vetro piena di emozioni (rappresentate da mille materiali diversi) frutto di lavoro fantasioso e dolcissimo, ma scheggiata pericolosamente su un lato; segue ripescaggio degli altri due, la consegna del terzetto ai nonni (#santisubito), il recupero una bottiglia di acqua fresca per sopravvivere al pomeriggio cocente e la seconda riunione di altre tre ore nella temperatura vicina ai 30°C.
La bottiglia è restata in auto sotto il sole, ovviamente.
Il pranzo me lo sono proprio dimenticato.
Fine riunione, tappa obbligata al distributore, che l'auto non va ad aria (e quasi quasi è meglio se impara a farsi bastare il pieno per almeno tre settimane...).
Nuova corsa a ripescare i pargoli, consegna del medio per le 18,00 all'ultima lezione di atletica (yeeeeeesssss, ultima!!!) e passata al negozio n°1 per acquisto di scarpe nuove per il piccoletto (ricordate dove era finita una scarpina, vero?) e ricerca di sandalini nuovi per l'asilo e magari anche ciabattine leggere sia per casa che per casa dei nonni. 
C'erano solo le scarpe.
Cambio negozio, andiamo al n°2 per le calzature restanti. 
Nulla di fatto neppure lì.
Rientro nel negozio n°1 per racimolare il primo paio di sandali che capita, anche se plasticosi non li volevamo (ma vista l'urgenza ci accontentiamo) e almeno un paio di ciabattine. 
Sorpresa: la banca ha interrotto i collegamenti. 
Chiaramente, di contanti non ne avevo in tasca.
Riprendiamo il medio che nel frattempo ha finito la lezione alle 19,15 (ho detto che era l'ultima? alleluja) e passiamo al bancomat. 
Al primo sportello ancora collegamento interrotto, al secondo addirittura la carta risulta inattiva.
Chiamo papone per avere accesso al vile denaro.
Non risponde a nessuna delle sei chiamate.
Mi arrendo.
Niente spesa, per oggi.
E niente sandali.
Racimoliamo gli spiccioli e contiamo 7 euro in totale. Siamo ricchi!!!
Tappa al primo super sulla strada e facciamo man bassa di hamburger surgelati e patatine surgelate pure loro.
Cena salutista come da migliore tradizione.
Docce rubate al volo durante l'infornata (la giornata non poteva essere meno adatta, vista la calura).
Hamburger, patatine, residui di finocchi e lenticchie per me.
Sorpresa della sera: il condizionatore di casa non funziona a dovere.
Chiameremo il tecnico per ricaricare il gas o che-ne-so-io.
Finita la cena, allettaggio figlioli.
Ore 21,17 suona il telefono: domani mattina devo andare al lavoro per un'urgenza dell'ultim'ora.
Ore 22,11 messaggio del rappresentante di classe del medio: domani tutta la classe quinta si vestirà con la maglietta arancione creata per la festa di fine anno.
Chiaramente non ho avuto il tempo di fare la lavatrice dei rossi, quindi rapido lavaggio a mano e via.
Mi ritrovo alle 22,30 a sperare che stanotte sia caldo e la maglietta si asciughi in tempo.

Qualcuno si sarà chiesto che fine abbia fatto papone.
Lui, mentre infilavo il piccolo in vasca e io mi lanciavo nella doccia per i quattro minuti migliori della mia giornata ha buttato là "...ma hai bisogno di una mano?".

Ecco. Oggi è meglio se non rispondo.

Oggi #noncelapossofare . 
Oggi mordo per molto meno.

Buonanotte.

42 commenti:

  1. come capisco queste giornate cosi. forza che c e la possiamo fare!!! non parliamo di forno acceso senza aria condizionata. ieri emergenza bastoncini per tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. noooo, mi spiace, allora anche lì vi siete bolliti ben bene...
      ma certo che ce la facciamo... ma quanto è bello uscirne vivi e dirsi "noncelapossofare", eppure... ;-)

      Elimina
  2. Non posso ancora capire questi momenti delle giornate ma hai reso benissimo l'idea...soprattutto la risposta del papone su "ti serve una mano"hihihihihi tipico!!! un bacione cara e buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche a te, Mile, vedrai che capiterà anche a te, prima o poi... preparati!!! corso zen? ;-)

      Elimina
  3. hai bisogno di una mano?????ti capisco benissimo!!!!!anche io racimolo spicci...e li consegno ai figli per gelati...patatine e varie...un bacione:)))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e oggi il bis: trancio di pizza, mamma mi servono cinque euro...
      stasera il gelato, mamma mi servono cinque euro...
      per fortuna che abbiamo pescato dai loro piccoli scrigni, altrimenti questa fine scuola sarebbe diventata un incubo., eheheh! ^_^

      Elimina
  4. Sei anche tu una super mamma... <3 leggendo questo post a me un sorriso (anche due o tre) è spuntato perchè nonostante i mille imprevisti alla fine sei riuscita a racimolare una cena e a mettere tutti i tasselli al loro posto. quindi a te va un applauso...macchè dico meglio una standing ovation <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hai fatto pensare a una cosa, che poi è quello che ci permette di vivere tranquille nonostante queste giornatine qui.
      Cioè: alla fine, che sia dopo una giornata tranquilla e serena o dopo la tempesta e l'uragano... alla fine dicevo, tutto si riappoggia e tutto torna ad essere normale. E' consigliabile tenersi forte durante i momenti critici, ma... #celaposssiamofare...allagrande! ^_^
      viva le mamme!!!! ^_^

      Elimina
  5. Mamma mia Carla, che incubo!
    Per la sfiga peggiore voto il condizionatore rotto, non si può proprio vivere senza!!!
    Sarà il periodo sfigato o sarà che questa è la normalità e ci dobbiamo stupire di quando le cose girano bene???
    Tienici aggiornati sugli sviluppi :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto annotando tutte le disavventure di oggi, che mica ci siamo accontentati di ieri, eh!!??
      Mi sa che è meglio se ce ne facciamo una ragione: il secondo caso mi pare più probabile ;-)

      Elimina
  6. Io non ce la farei! Oltre ai nonni dovrebbero fare anche a te santa subito! Un bacione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi accontento di martire... hihihi...
      Baci, Angela ^_^

      Elimina
  7. Per fortuna, ho passato il periodo ormai.... potrà ricominicare se la figlia mi farà diventare nonna ma da quell'orecchio non ci sente... che bello!!!! Uff che peccato!!!!!!
    Capisco però e ricordo anche se noi ne abbiamo solo una, quando sono ancora piccirilli e anche quando non lo sono più tanto, dipendono dipendono dipendono......
    Forza Carla. Resisti!!!!!!!!!!!!!! CE LA PUOI FARE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    ps sui mariti.... stendiamo un velo pietoso??????? :))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. stendi ...stendi e stira, visto che ci sei!!! ^_^
      ce la facciamo, magari stanchi morti, ma ce la facciamo.... alla fine del turbinìo!!! ^_^

      Elimina
  8. Certo che a te l'Odissea ti fa un baffo... =)))
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... è come se gli imprevisti si dessero appuntamento per un mega meeting... perché non si diluiscono in giro per la settimana? mha...
      Buona serata, Dani!!

      Elimina
  9. Ma allora è un destino comune a noi mamme correre, correre, correre, annaspare, incastrare tutti gli impegni, ricordare le scadenze, organizzare lo shopping nanesco (ma quanto crescono ogni anno?), rispondere alle mail dell'asilo/scuola, rappresentanti di classe, organizzare i "turni" dei nonni (anche qui santisubito) ecc, ecc, ecc. E i papi? Lavorano...loro!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. davvero, eh! questi nanerottoli crescono in continuazione ;-) ...e via di scarpe nuove!
      ma dei paponi... lasciamoli lavorare, va, che mi è bastata una volta sola aver fatto fare shopping nanesco agli uomini... non commento, eh! =.="

      Elimina
  10. Scusami se rido :-))) ma lo faccio per pura solidarietà!!!Dai ce la puoi fare , CE LA POSSIAMO FAREEEEE!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tranquilla, rido pure io per solidarietà come te, visto che sappiamo bene che di queste giornate qui ce ne sono per tutte e in quantità!!!!
      siamo una forza ^_^

      Elimina
  11. Mi ero persa il post precedente!!! Certo che con i bambini non si può mai stare tranquilli!!! Mi unisco al coro del CE LA POSSIAMO FARE!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma sicuro!!! e chi ci ferma a noi??? ^_^

      Elimina
  12. Risposte
    1. ...solidarietà, ricordo bene certe tue paraboliche esibizioni di equilibrismo!!! ^_^

      Elimina
  13. Vedo che anche tu sei messa bene... dai che ce la possiamo fare!!!
    Anche senza il "grande aiuto" di papà... noi donne abbiamo i superpoteridimamma!
    Nel mio "che periodaccio..." ho censurato tutta la parte riguardante mio marito: quando serve non c'è, se c'è fa il 99% dei disastri. Meglio il silenzio stampa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In confronto alla tua settimana disastrosa questa mia è davvero nulla, eh! ma lasciamo perdere il genere maschile: NOI abbiamo le spalle larghe!!! ;-)

      Elimina
  14. Non ti annoi di certo!
    Non so come sei riuscita a farci stare 48 ore in 24!
    Eppure ce l'hai fatta eccome!!!
    Un bacione grande!!!!
    Sharon :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì sì, ho scordato solo di pranzare... ehmm... ^_^ bacioooo!

      Elimina
  15. Che giornata movimentata!
    Certo quando capitano, lo fanno sempre tutte insieme!
    Sarai stata stremata all'ora di andare a letto.
    Gli uomini ... meglio lasciare stare, parole al vento ahahahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero verissimoooo!
      a proposito: ho visto il video della doccia... non può rendere meglio il concetto dell'uomo irrecuperabile, ahahahah!!!

      Elimina
  16. Carla che movimento!!!Sei stata tu l'atleta!Immagino quindi che gli impegni aumentino con l'aumentare dell'età dei pargoli!!!:-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sicuramente sì: preparati fin da subito, il tempo per te diminuirà a livelli trascurabili in un batter d'occhio... gasp!

      Elimina
  17. Ma che cosa è una corsa ad ostacoli rispetto a questa giornata?! Sei incredibile, Carla!
    Un bacio
    MG

    RispondiElimina
    Risposte
    1. corsa a ostacoli? effettivamente... ;-) bacione anche a te ^_^

      Elimina
  18. Uomini...tutti uguali!! ;-)
    Anch'io ho il terribile "vizio" di girare sempre senza soldi e sì che avrei modo di prelevare contante praticamente tutti i giorni...
    Sai Carla, io mi illudevo che con il crescere dei figli avrei avuto più tempo libero per me, ma mi sembra di intuire - in maniera proprio leggermente velata - che non sarà così!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sìììì, sicuramente prima o poi il tempo libero arriverà, ma mettiti comoda ad attenderlo, ci vorrà parecchio tempo!!! ;-)

      Elimina
  19. O.O ehm... adesso va un pochino meglio vero? o mordi ancora? eheh :P
    Dai... papone è un uomo, non te la prendere... loro non lo fanno apposta, è che sono così... non ci arrivano e non capiscono quando devono aiutare o stare zitti ed aiutare di loro spontanea volontà o stare zitti e basta...... oh mamma meno male mio padre non legge i commenti che scrivo... mwahahah!!!!
    Forza Carla che le scuole sono finite!!! :)
    A presto!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, dai non mordo più. per ora... hihihi...
      ho capito una cosa fondamentale: agli uomini bisogna dire le cose esplicitamente, non c'é altro modo. Alle volte ci illudiamo che carpiscano i nostri pensieri in manìera telepatica, ma è tutto inutile: vanno guidati passo passo. facciamocene una ragione! ;-)

      Elimina
  20. buongiorno Wonderwoman!!!
    tu si che fai mille cose!!!
    buona giornata
    Sara
    ps= senza condizionatore????? aiutoooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E senza elettricità del tutto?? eeeehhhh??? non ci facciamo mancare nulla!! ;-)

      Elimina
  21. Non so cara Carla, come fai! veramente Wonderwoman! Ed io non sono certo lenta nelle mie cose, ma così mi verrebbero i giramenti di testa. E papone non mi meraviglia perchè il mio è uguale.
    Un abbraccio
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara!!! a me a fine giornata arriva un tracollo fisico da paura, te lo garantisco!!!!
      un abbraccio ^_^

      Elimina

lascia un segno del tuo passaggio ^_^
mi piace sapere cosa ne pensi e chi sei... quindi firmati
altrimenti rischi che le tue parole finiscano nel cestino
senza che io me ne accorga!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...