lunedì 12 maggio 2014

ennesimo sfogo... lo so, avevo detto che non l'avrei rifatto

Ragazzi, sono in ferie.

Nel senso che devo consumare ferie e permessi (o-come-cavolo-si-chiamano-oggi) e quindi questa settimana non andrò a lavorare.
Perfetto: in calendario ci sono un paio di cosine interessanti!!!

Stamattina bella uscita fino a casa dei miei genitori, gran chiacchierata e ritorno.
Il mio regalo per la mia mamma: il tempo, quello che manca sempre, ma per lei, per poterle leggere qualcosa, per poter ritagliare le occasioni, ho deciso così, la mattina farò la mia uscita fino a casa loro. 35 minuti sono sufficienti, se cammino. Se corro, meglio ancora.


Ma non sono dell'umore, adesso, per spargere la mia dolcezza sulla mia mamma. Lei lo sa che sono qui, anche se non mi chiede mai nulla.

Stamattina, soprattutto dopo le cose che ho saputo da mamma e sorella, devo scrivere una lettera.

Caro ######, 
che non ti meriti nemmeno di essere nominato qui davanti alle mie amiche e ai miei amici di blog, sei proprio un deficiente. Si può dire? No? pazienza, visto che ti meriti molto di peggio, direi che te la sei cavata con poco.
Anzi, pure "caro" è di troppo. Cancellato.
Come ti passa per la testa di affermare che tu non hai fatto niente di male, che tu hai sempre fatto il meglio per la tua famiglia?
Come ti permetti ancora di far pesare che il tuoi stipendio è più alto, dopo aver insultato tua moglie perché faceva un lavoro che la portava fuori casa in orari strani  e glielo hai fatto rifiutare? E lo stesso con un altro paio di occasioni? E poi hai pure insistito perché si iscrivesse all'università, che essere mamma e moglie non è abbastanza, per te?
Perché affermi di avere dei diritti adesso nei riguardi dei tuoi figli, dopo aver detto che "allora tienteli però ti arrangi, a me non interessa più nulla"?
Come ti permetti di sfogare le tue seghe mentali su tuo figlio e ridurlo a una copia sbiadita di te, quando non sa quali assurdità hai fatto per otto anni alla sua mamma? Ti ricordi che la costringevi perfino a vestirsi come volevi tu, vero? Che quando eri ricoverato in ospedale dopo un incidente la hai cacciata, perché ti vergognavi di lei davanti ai tuoi amici? 
Come puoi pensare che con due lavori tua moglie abbia il tempo per cercarti una casa? un affitto, un tetto? non sai leggere e telefonare, forse?
Con che faccia telefoni a ogni ora del giorno per urlare cose assurde a tua moglie?
Perché ti ostini a non presentarti dall'avvocato, sperando che magicamente la famiglia del Mulino Bianco si materializzi in casa tua?
Perché quei giorni in cui tieni i bambini non cucini nulla e la tua dispensa e il tuo frigo sono pieni di reliquie fatiscenti?
Perché ti riduci a tenerti la macchina di famiglia per vendetta, impedendo ai tuoi figli di uscire di casa la domenica con la mamma?
Perché dopo le varie segnalazioni alle forze dell'ordine, ancora ti illudi di essere il poveretto e la vittima incompresa? Solo perché sei colorato? Che forse chi è immigrato non risponde alla legge italiana?
Con che coraggio, dopo aver visto tua moglie ridursi a una sottiletta in tre mesi, le fai i complimenti "vedo che adesso stai molto bene, ti curi e sei perfino dimagrita"?
Perché non ti passa nemmeno per l'anticamera del cervello che i buoni mensa per la scuola dei tuoi figli non si pagano con l'aria fritta? Perché, invece, quando hai i bimbi, vai a comprare la pizza, anzi, te la fai portare a casa?
Come ti permetti di minacciare "guarda che ti do fuoco alla casa" o "tanto la macchina me la tengo io", e altre amenità di questo genere, pensando che tanto tu la avrai vinta?
Tra l'altro? cosa pensi che vincerai?
Perché non comprendi che ostinarti a restare nella casa di famiglia costringendo moglie e figli a trasferirsi altrove è segno di egoismo, menefreghismo, ignoranza e mancanza di rispetto, innanzitutto per i tuoi figli?
Come è possibile che tu ancora adesso dia la colpa a tua moglie di ogni sventura della tua vita?
Perché ogni scusa è buona per fare una scenata, per spaventare tutti, per ribadire che tu sei il poveretto di turno? A casa o per strada, poco conta...
Avrei ancora un centinaio di domande, ma avrò pietà per la tua mente evidentemente instabile...

Ecco, caro mio, mi fai proprio rabbia, mi fai imbestialire, mi fai uscire il lato più oscuro.

Ma come puoi vedere, non ti porto più nemmeno quel filino di rispetto che si mantiene verso un estraneo. Ora si sa che sei tu, quella bestia.

Attendo con ansia il giorno dell'udienza per la separazione, voglio proprio vedere con che faccia ti presenterai.

Ecco, ora non sto meglio, ma sicuramente mi sono un pochino sfogata.

Non illudetevi: dopo ricerche di ogni genere, la scoperta dell'acqua calda è giunta sotto i nostri occhi: la legge italiana non esiste.
Proprio assente ingiustificata.

Si attende, si spera, si incrociano le dita. 
Per il qui ed ora.

ps: chiaramente sono stata travolta per l'ennesima volta dalle emozioni. Strada facendo ho reso anonimo il post. Grazie Raffo <3

46 commenti:

  1. Carla mi spiace tanto.. . Ho letto tutto quella che hai scritto.....con te al suo fianco avrà una forza in più per reagire e superare tutto.....spero che vada tutto per il meglio.... un bacione Simona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho però sempre il dubbio di passare per invadente... le mie scelte sarebbero sempre radicalmente diverse dalle sue... ma siamo qui e non ci muoviamo.

      Elimina
  2. Vicina col cuore e con la mente....
    ne avrei da dire un sacco anche io.
    baci

    RispondiElimina
  3. Mi dispiace, davvero tanto. Certi uomini sono solo bestie. E certe donne sono troppo fragili per affrontarli. la paura è l'ostacolo più grande. Ti abbraccio e spero che le cose vadano a buon fine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo speriamo speriamo.
      La paura alle volte è un'arma contro se stessi, purtroppo...

      Elimina
  4. Un abbraccio e non arrendetevi, mai!

    RispondiElimina
  5. Forza Carla, tua sorella è fortunata ad avere te come sorella.
    Spero che vada tutto per il meglio.
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se potessi le farei indossare le mie lenti a contatto per farle vedere le cose da una prospettiva esterna, ma il difficile è farle indossare a chi dovrà intervenire al momento giusto...
      speriamo.

      Elimina
  6. speriamo bene all'udienza...questione di fortuna con il giudice...la giustizia italiana in molti casi latita.....situazioni allucinanti...e i figli quelli che poi ci rimettono di +. :(

    RispondiElimina
  7. Carla, coraggio a te che devi farne a lei. Stalle più vicino che puoi e aiutala a tirarsi fuori anche psicologica,ente da questa situazione di m...
    Un bacione grande e se hai voglia o necessità di sfogarti, non chiedere il permesso. Ci mancherebbe ancora. Per quello che possiamo siamo qui, al tuo fianco col pensiero.
    Un abbraccione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ricambio l'abbraccio Patricia. so che ci siete e questa è una cosa meravigliosa <3

      Elimina
  8. Un bel sgofo dovuto,dice bene Simona Gentile ha te al suo fiancoUnite lo annienterete.Posso darti ragione sulla legge italiana, purtroppo.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo in bene, Carolina, anche se fino ad ora davvero ci sono state solo delusioni...

      Elimina
  9. Carla mi dispiace tanto...:(
    Quanto dolore inutile causato ad innocenti per ignoranza egoismo e cattiveria gratuita :(
    Aiutala...ne ha tanto bisogno...
    Vorrei con uno straccio cancellare tutti i dolori del mondo...:(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sharonina mia... quanto vorrei esistesse quello straccio...
      spero che la tua mamma stia migliorando... <3

      Elimina
  10. ....non ho parole...e mi spiace tanto....spero che tutto si evolva al meglio. Un abbraccio immenso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mile, ci conosciamo da poco, ma so che sei sincerissima, grazie <3

      Elimina
    2. Per qualunque cosa...sai dove sono ^_______________^ forza eh!!

      Elimina
  11. Tua sorella riuscirà sicuramente a superare tutto grazie a te, sii forte per entrambe e sfogati ogni volta che vuoi, ne hai tutte le ragioni!
    Ti abbraccio
    Giovanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io penso che se riuscirà a superare tutto è perché lei avrà fatto IL passo. Poco da fare...

      Elimina
  12. Carla mi dispiace tanto...nella sfortuna avete la fortuna di essere una famiglia unita per poter affrontare insieme questa orribile situazione...
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò, queste situazioni riescono a minare anche le basi più solide, perché tolgono le sicurezze, tolgono la terra sotto ai piedi... ma chiaramente si fa il possibile!

      Elimina
  13. La legge italiana? e che cos'è?? A parte tutto, mi dispiace veramente tanto per tua sorella e per i figli, che sono quelli che poi alla fine ci soffrono di più. Quelle persone, quegli uomini penso che non abbiano cuore e purtroppo ce ne sono troppi così.
    Tua sorella in questo momento avrà bisogno di tanto supporto e di aiuto e con te accanto sono sicura che ce la farà!!! Speriamo che tutto si risolva per il meglio e teniamo le dita incrociate!!!
    Un abbraccio immenso e non preoccuparti, quando ne hai bisogno tu sfogati pure. Noi per quanto possiamo saremo qui ad ascoltarti ed a sostenerti.
    ps: Se hai bisogno sai dove trovarmi! ^__^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io vi abbraccerei tutte: siete una meraviglia! Lo so che è solo uno sfogo, che voi mi sopportate sempre... ma alle volte è bello sentire qualche pacca sulla spalla <3 grazie Jess <3

      Elimina
  14. Cosa aggiungere di più? Mi metto nei tuoi panni e mi viene voglia solo di fargliela pagare (con la stessa moneta)! Mi dispiace per tutta la tua famiglia....persone così sono un vero cancro. Un abbraccio ♡

    RispondiElimina
    Risposte
    1. maronna, cosa avrei voglia di fare io... non si può dire...
      un abbraccio a te <3

      Elimina
  15. Ti auguro che tutto finisca per il meglio e che ritroviate tranquillità e felicità!

    RispondiElimina
  16. Controllate bene quello che viene scritto negli accordi, meglio un avvocato in più che una limitazione non vista, quello che conta davanti alla legge sono solo i fatti e non i sentimenti, fate un elenco di cose reali è l'unico modo per tutelarsi..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sembra che l'avvocato sappia quello che fa... speriamo bene.
      Si punta a questo: lista chiara di cosa sì, cosa no, ore e luoghi... e attendiamo.

      Elimina
  17. Mi dispiace davvero tanto! Speriamo bene! Un bacio

    RispondiElimina
  18. Mandarlo affa non ridolverebve niente, e dopo anni e anni di soprusi immagimo fhe anche tua sorella sia demotivata. Ma a un uomo piccolo come quello, da cui evidentemente ci si sente ferite il doppio visto che un tempo si provava dell'affetto... la cosa peggiore che si possa fare è dimostrare che si vive benissimo, anzi , meglio senza di lui. E sono sicura che nessuno meglio di voi la sosterrà come ha bisogno. Che si vergogni, quel deficiente. ♥Gi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. penso proprio che tutti gli insulti della terra non riuscirebbero ad esprimere tutto il concetto, sai?
      ecco, "demotivata" è la parola che stavo cercando in questi giorni, al posto di rassegnata...

      Elimina
  19. Carla io ti dico solo una cosa: se ti serve qualche dritta legale scrivimi perché a te più che parole servono fatti e se posso darti un consiglio o una dritta, anche a distanza, lo faccio volentieri. Per il resto non parlare di rabbia, parla di pena e se qualcuno strilla contro di te, tu strilla più forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti ringrazio molto <3 e so che purtroppo ne sai parecchio <3
      intanto si è nelle mani di un avvocato, vediamo che succede, sembra saperne...
      non ti preoccupare: strilli e grida si faranno ancor più sentire!!!!!!

      Elimina
  20. Anch'io a volte mi trovo nella tua stessa posizione e la mia reazione è come la tua... ti sono vicina. ti abbraccio
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cacchiolina, mi spiace... abbracciamoci e su la testa, pugni pronti!!!

      Elimina
  21. Che brutte cose leggo ... mi dispiace tanto! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'abbraccio me lo prendo e me lo tengo stretto <3 ma non ci facciamo fermare!!!! Mai!

      Elimina
  22. Cara Carla, ho letto ogni singola parola del tuo post e nn so che aggiungere, è uno schifo, mi spiace davvero tanto, poi quando ci sono i bambini in mezzo tutto acquista aspetti ancora peggiori.
    Tu cerca di essere forte e starle vicina...
    Un abbraccione forte a tutte e due
    Mari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mari, la vostra vicinanza si sente ed è di grande supporto, sappiatelo <3

      Elimina

lascia un segno del tuo passaggio ^_^
mi piace sapere cosa ne pensi e chi sei... quindi firmati
altrimenti rischi che le tue parole finiscano nel cestino
senza che io me ne accorga!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...