sabato 15 marzo 2014

basket a vari livelli

Come da copione, ieri sera si è tenuta una delle partite di basket della squadra in cui gioca la tredicenne.

Come non presenziare?
Già mi sento abbastanza in colpa per non essere ancora mai riuscita a fermarmi agli allenamenti, giusto per dire "la mia grande gioca a pallacanestro", con la consapevolezza di quel che dico.
Fino ad ora ho solo pagato l'iscrizione...

Quindi, una volta risolta una mini spesa per la grigliatina di questa sera, io e i nani maschi siamo approdati alla palestra, a metà del match.


Primo impatto: odore intensissimo di ormoni tredicenni e quattordicenni. Una cosa vomitevole, assicuro.
Mi sono pentita di aver mangiato qualcosa prima di entrare in quella palestra.
Probabilmente gli altri spettatori si erano assuefatti all'aroma acido e pungente visto che erano presenti dall'inizio.
Ma a noi che siamo arrivati a metà, ci ha storditi.

La mia panchinara preferita era là, in tutta la sua divisa scintillante e pulitissima. Con i capelli legati stretti stretti in groppo dietro la testa.
Dicesi groppo una microscopica coda riannodata due volte su se stessa, grazie all'utilizzo di quattro elastici.
I capelli a mezza lunghezza sono difficili da governare, ora lo sa anche lei.

E all'improvviso: tutte in piedi, per sostenere le compagne in campo con tifo e consigli...
...ma dov'è finita la mia pargola? dov'è andata? non la vedo più... forse non si è unita alle altre?
Guardo meglio.
Opssss...
Lei è proprio là, tra la compagne.
Solo che è circaaaaaa... diciamo venti centimetri più bassa delle altre.
Ora capisco molte cose.
Mi dispiace amore mio, la statura alta non è nel nostro dna.
E' colpa mia.
Ma se state sedute non si nota, tranquilla.
Ah, dici che in campo non si può proprio stare seduti?
Io ci ho provato...

La partita riprende.

Azioni velocissime, il rumore delle scarpe che fanno quell'inconfondibile gnic sul parquet ad ogni stop, ad ogni salto, ad ogni azione concitata.


gnic gnic ...gnic gnic gnic... gnic ...gnic gnic...

E le ragazze così combattive, così fiere di indossare quella casacca blu e rossa, così forti nel fiore della propria adolescenza.
Emozione allo stato puro.


La nostra versione della partita, in ogni caso, ha delle differenze sostanziali rispetto a quella che si è disputata in campo.

Innanzitutto noi eravamo sugli spalti.
In legno.
E il legno rimbomba.
Ora lo sa anche lui, il terrore degli spalti in legno: un cinquenne pazzamente 'amorato della sorellona.

Salti, pestoni, ritmi frenetici scanditi da piedini tifosi.

E tanti baci a me per festeggiare ogni azione della nostra squadra.
Ma tanti tanti baci, eh!

E ad ogni azione avversaria un sobbalzo al cuore si manifestava con le mani portate davanti al viso al grido non posso guardare!
Ad ogni azione, giuro.

Tutto il resto del tempo un tifo eccitatissimo, scandito da urletti di giubilo o di sofferenza, accompagnati da attimi di relax, steso sulla panca durissima e annunciati da ora mi riposo.
Senza soluzione di continuità.

L'altro nano (oramai non posso nemmeno definirlo nano, visto che tra due centimetri non avrà più bisogno del rialzo in auto...) ha letto tutto il tempo.
Topolino come non ci fosse un domani.
Arrivati in auto ha tranquillizzato la sorella, commentando serafico "bella partita, sei diventata brava".
Lei era in panchina.
Apriti cielo.
Quanto a provocazioni, lui è un maestro, indubbiamente.

34 commenti:

  1. ahahahah! mi è piaciuto molto come l'hai raccontato, mi sembrava di esserci... ma dai l'altezza non è tutto nella vita, anche se in effetti nel basket ha un suo perchè, ma la grinta secondo me regala centimetri a gogo! :D
    un bacione e che forte tuo figlio! ahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' difficile capirlo a 13 anni, chissà quando anche lei lo capirà...
      Sei la benvenuta in curva, eh! ^_^

      Elimina
  2. Ahahah, il mio mondo è sempre stato quello della pallavolo, ma - a parte il gnic gnic - tutto il resto è uguale. Spero che anche i miei figli si appassionino allo sport!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puzza compresa? ;-)
      Secondo me, lo sport all'inizio viene vissuto attraverso i genitori, ma non è vincolante... il papo è un animale da palestra, ma con i palloni non ci va mica tanto d'accordo, eh! ^_^

      Elimina
  3. Ma che forte il pargolo! La sorellona lo avrà sbranato immagino!
    Bellissima la scena, me li figuro e mi viene da ridere!
    Baci alla cestista in panchina e al resto della esilarante combriccola :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fortunatamente lei era seduta davanti e lui dietro di me... comunque loro hanno questo rapporto di provocazioni e pungolature continui, in realtà convivono così...
      Buon week end, carissima ^_^

      Elimina
  4. Che bella descrizione! :))) Buon fine settimana! Bacioni :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che anche tu ti sia divertita a leggere, quanto io a ripensare alla serata! ^_^
      Buon week end!!

      Elimina
  5. Comunque bravissima la tua ragazza!!!che belle che sono a quest'età! Buona serata simona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione: bellissime ^_^
      Buona domenica!

      Elimina
  6. eheheh!! Fantastico il medio =D mi ha fatto schiantare dalle risate! ^__^
    Vabbè, ma più è bassa e più è veloce no? Farà passaggi velocissimi! chissà, quando giocherà straccerà tutti ^-^
    Per la puzza penso che sia comune in tutte le palestre...... ricordo ancora l'odore della palestra in cui facevo ginnastica artistica..... >_<
    A presto e buona Domenica!!
    Ps: Ma poi la partita l' hanno vinta??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordo anche io gli aromi delle palestre e delle piscine... ma quelli erano ormoni puri e solidi!!!
      Vinta vintissima ^_^ soddisfazioneeeeee!!!

      Elimina
  7. che bello!!!!!!! io fui tra le produttrici di odori pestilenziali e dello stesso gnic gnic gnic sul parquet. che belloooooooo e che ricordi.
    sembra contemporaneamente ieri ed una vita fa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ueilà, un bel tuffo nel passato, allora ^_^

      Elimina
  8. L'amore fraterno emerge sempre, poco da dire...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...inevitabili dichiarazioni d'amore ;-)

      Elimina
  9. Wao xD è esilarante! Io ho sempre desiderato giocare a basket seriamente...peccato che sono poco più alta della metà dei giocatori professionisti xD quindi...nah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come sai, anche io non sono una stanga e ho sempre optato per discipline alla mia portata... ma lei è proprio appassionata, eh!

      Elimina
  10. Immagino l'emozione, e gli odori.... Bellissimo il modo in cui l'hai raccontato... Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pami ^_^ è facile scriverne, se ci si mette ad osservare dalla giusta prospettiva ;-)

      Elimina
  11. Certo che tra fratelli non ci si tiene proprio niente! ^_^ Sono tremendi! Anche se non ha giocato sarà stata contenta lo stesso, far parte di una squadra è anche questo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amore spassionato proprio !!!
      Anche se non tutte giocano, nella squadra sono tutte concentratissime, è perfino strano non sentire lamentele (magari a casa poi si sfoga, eh!) ^_^

      Elimina
  12. Sono morta dal ridere!!! Per l'entusiasmo del piccolo e la totale avulsione del medio... corredata dalla pessima uscita su quanto sia migliorata la sorella... ci credo che se lo sarebbe mangiato!
    Famiglia di super fortissimi soggetti, siete mitici... non ultima tu nel modo di raccontare. =)
    Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, ho capito che se osservo da un punto di vista differente ciò che accade, diventa tutto molto più colorato. E il riferimento del metro e quindici è mooooolto suggestivo ;-)

      Elimina
  13. Fantastico anche questo post, il finale poi, no comment, mi sembra proprio di conoscere questi momenti di amore fraterno :-) E poi leggendo mi pareva di essere lì con voi sugli spalti...
    A presto :-*
    Mari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora la prossima volta ti teniamo un posto!!! ^_^
      Sei la benvenuta!
      Buona giornata ^_^

      Elimina
  14. gran bel racconto!ciao carla!

    RispondiElimina
  15. Brava Carla♥
    È bell8 vedere che i tuoi figli ci mettono passione!
    (Ma da voi i genitori imbecilli che si mettono a litigare tra di loro per le velleità sportive dei propri pargoli non ci sono? Perché sarebbe da farci un blog a parte...che vergogna. )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^_^ ciao Giulia!
      ...ho letto questo commento facendo stretching stamattina... ci si potrebbe fare su un bell'ashtag... uhmmm...

      Elimina
    2. Vedi che tutto il mondo è paese? !

      Elimina
  16. Carla che ridere!
    Io il tuo piccolo lo adoro!!!! Ma che trottola piena di entusiasmo, simpatia e dolcezza che è!
    Il medio l'ha stroncata poverina, che tipo!!!!!!!
    Buona serata a tutti voi!
    Sharon

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona serata anche a te ^_^
      Il medio ha sviluppato l'arte della faccia tosta, più che altro per difendersi dalle angherie della sorella, a dire la verità!

      Elimina

lascia un segno del tuo passaggio ^_^
mi piace sapere cosa ne pensi e chi sei... quindi firmati
altrimenti rischi che le tue parole finiscano nel cestino
senza che io me ne accorga!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...