giovedì 27 febbraio 2014

oche, top of post e altro ancora


Questa mattina ho letto la domanda, che più o meno diceva così: ma in che favola corri tu?

Sinceramente non saprei rispondere, ma anche oggi i rallentamenti causa (stavolta) oche, ci son stati. Vi prego di notare che probabilmente sono inglesi, visto che circolano in senso inverso!!!

Il maltempo di stanotte e le pozze non trascurabili mi hanno fatto optare per un'uscita su strada, altrimenti avrei dovuto armarmi di pinne e boccaglio. Ma tranquilli: la via che solitamente percorro è in tali devastate condizioni che le auto non possono proprio correre: lascerebbero sospensioni e cerchioni sulla carreggiata!











Oggi ho un po' di difficoltà di concentrazione, perché ci sono nell'aria tante cose che mi tengono all'erta, quindi andiamo con ordine.
Non di importanza.
Facciamo che andiamo a caso.

Innanzitutto voglio finalmente riprendere la partecipazione a Top Post organizzato da koko di Ordinata mente.

Quindi ecco le mie tre proposte e il loro perché.
1. Una febbre affettuosa  da Il lupo nelle fragole, in cui Siro ci fa riflettere su quanto poco ovvio sia l'amore di una mamma per un figlio. Ci avevate mai pensato?
2. Il legame madre figlio da Caiacoconi, in cui Caia si sofferma su un famoso video che gira sul web, in cui sembra nessuno riesca a leggere i diritti di un neonato. Riflettiamoci.
3. Il gusto della vita da In dieci righe, in cui Stefania dipinge la Vita  in dieci righe. E secondo voi, come è la Vita?

Fatto questo, passerei a ringraziare ufficialmente due delle blogger che mi hanno premiato poco tempo addietro, ma che poi non ho mai onorevolmente ringraziato. I premi che loro mi hanno attribuito mi erano già stati donati, quindi  non svolgerò tutta la trafila.

Si tratta di Lu v  di Neo mamma on board e di Clelia di Un'idea tira l'altra.





Ragazze, vi ringrazio davvero di cuore, scusate se ci ho messo così tanto per rendervi omaggio!!!

E poi vorrei aggiornate il mio stato di ansia e sdegno e delusione e inc****tura, nel continuare un discorso amaro aperto tempo addietro.
La denuncia per violenze domestiche di cui parlavo, richiede tantissimo tempo. Meglio (suggerimento dell'avvocato scelto dalla vittima) iniziare dalla richiesta di separazione. 
Occhei, avanti.
Entro 20 giorni verrà notificata la pratica al colpevole. 
La donna e i figli cosa dovrebbero fare tra la notifica e l'udienza, che si terrà tra tre mesi? 
Chi proteggerà queste persone? 
Chi garantirà la loro sicurezza? 
Chi spiegherà ai figli che non è il caso di frequentare il papà, perché potrebbe non essere stabile?

Ho tante domande che mi frullano in testa. 
Ho tanta preoccupazione per queste persone. 
Ho un sacco di rabbia per un sistema che garantisce i diritti delle persone senza preoccuparsi di capire la situazione e di individuare vere vittime.
Scusate lo sfogo, ma più la faccenda prosegue, più le assurdità aumentano.
Non c'è altro da dire.

Vi ringrazio perché sapete sopportare le mia divagazioni con grande affetto e vicinanza. 
Vorrei abbracciarvi tutti ^_^

37 commenti:

  1. Ciao Carla!!! Sei davvero costante nell'attività fisica, brava (nonostante ti ritrovi in mezzo ai piedi questi starnazzanti ostacoli ambulanti). Complimenti per i premi e soprattutto grazie per la menzione al mio post (non me l'aspettavo davvero).
    A proposito del tuo "sfogo", io credo che sia giustissimo perchè avere a che fare dal vivo con persone con questo tipo di problemi, leggere la difficoltà e la paura nei loro occhi non è come sentire una notizia al tg.
    Un abbraccissimo e buona giornata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie davvero Stefania... e..hai visto che lo scrivere bene serve a qualcosa, in fondo? ^_^

      Elimina
  2. Pure le oche! Di certo non puoi dire che a correre ti annoi!! ^_^
    Grazie per aver partecipato, sono curiosa di andare a leggere quello che hai scelto!!

    RispondiElimina
  3. ciao Carla e buona giornata ... vado a leggermi le tue segnalazioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona giornata anche a te, Stefania ^_^
      Spero che ti piacciano!!

      Elimina
  4. Le oche british sono meravigliose... mi hanno fatta morir dal ridere! E quanto mi sono ritrovata nel post di "Il lupo nelle fragole"! Grazie dei tuoi meravigliosi post e buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Chiara per la partecipazione sempre attiva e carinissima ^_^ "oche british"... fantastiche !!!

      Elimina
  5. Ma che bello correre con le ochette! :))) complimenti per i premi che meriti tanto! Un bacio :)

    RispondiElimina
  6. Ciao Carla,
    belle le oche!!! verrei a correre anch'io li!

    per l'altro discorso...fa rabbia davvero che non ci sia una tutela reale per le vittime di violenza :-(

    buona giornata
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una delusione unica, ti assicuro...
      buona notte!

      Elimina
  7. Che belle queste oche....c'è qualcuno che ti fa compagnia! Complimenti per il tuo impegno...brava... bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simo ^_^ le oche son piuttosto inquietanti... non sai mai come reagiranno!!!
      Baci!

      Elimina
  8. Le ochette "inglesi", che carine, ma che ci fanno li, in mezzo alla strada???
    Un abbraccio!
    Sharon

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono talmente abituate alle auto, che non si spostano nemmeno se pivetti o vai vicino vicino...
      Ciao bella ^_^

      Elimina
  9. amica mia eccomiiiiii!!!!! prepara il the che sto un pò qua con te, se non disturbo...un baciotto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Manuuuu!
      Studia bene, che non vedo l'ora di riprendere a leggerti!
      Il bollitore oggi offre solo tisana depurativa, spero ti piaccia la liquirizia ^_^

      Elimina
  10. Brava che continui a correre... E poi fai questi incontri con la natura... Meglio loro di alcuni umani e non aggiungo altro al discorso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione da vendere... meglio avere a che fare con le oche, ti assicuro!
      A domani... c'è la prova del nove, eh!!!

      Elimina
  11. Il tuo sfogo è pienamente giustificato, dato che in questa e in altre cose abominevoli l'ultima cosa che viene usata per gestirle è il buon senso.
    Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spesso mi chiedo se il buon senso esista ancora, in questo mondo... hai proprio ragione!

      Elimina
  12. Che incontri curiosi! Hanno fatto una corsetta insieme a te?

    Concordo con te nel pensare che la nostra legislazione, purtroppo, non protegge in maniera adeguata le persone. Troppo spesso occorre che succeda qualcosa di veramente grave perché ci siano gli estremi di un intervento della forza pubblica.
    E' molto importante che ci siano strutture di sostegno in grado di accogliere le persone che cercano di uscire da situazioni difficili e di offrire loro un rifugio.
    Ma è anche molto importante far crescere una cultura nella quale le donne non credano più che sia necessario sottomettersi ad un uomo per vivere!

    Ti abbraccio!
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, se non c'è la premessa, non funziona nulla del resto.
      Ma a tragedia avvenuta, che si potrà mai fare? Assurdità e abbandono sono la parola chiave, a quanto pare...

      Elimina
  13. Che carine le oche!!!! Da me qua ci sono solo piccioni.... :(
    Per l'altra questione io sono letteralmente senza parole.... ti sono vicina e ti abbraccio forte forte! ^__^
    A presto!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Jess! Ricambio l'abbraccio con affetto ^_^

      Elimina
  14. queste storie di violenza sono intollerabili soprattutto quando accadono entro le mura domestiche e I bambini ne sono vittime o testimoni. ti capisco e la rabbia e il primo sentimento che ti anima, ma a volte altri sentimentI ti assalgono. e una parentesi amara che pero non voglio riaprire.... ma I deboli vanno difesi sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti chiedo di più, ti ringrazio per queste parole così importanti e così poco considerate, purtroppo!

      Elimina
  15. stamattina un bel the caldo ci starebbe tutto...molto zuccherato come piace a me...io porto i biscotti :-) un baciotto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I biscotti <3, grazie Manu!!!
      Il the è pronto, mettiti comoda ^_^
      Buona giornata!!!

      Elimina
  16. Ho letto la storia... mi spiace moltissimo per loro e anche per le tue ansie/preocupazioni.
    Io non sopporto e non ho mai sopportato la burocrazia, con i loro tempi e a mio parere le loro ingiustizie. Non sempre è cosi ma... beh lasciamo perdere...
    Se non fossi credente in effetti, più che altro se non avessi conosciuto, a un certo punto della mia vita Dio, in questo mondo forse non ce l'avrei fatta a resistere. Infatti le ansie e il mio mal di vivere mi stavano uccidendo.
    Ci sono persone al mondo che vivono dei drammi tremendi, alcuni che potrebbero essere prevenuti ed evitati. E il senso di impotenza in certi momenti fa veramente male. Prego che Dio possa aiutare queste persone e proteggerle.
    Certe cose che accadono ci sembrano assurde, ed è difficile arrivare al perchè delle cose, anche se in linea di massima qualcosa lo si capisce. Però di una cosa sono certa al 100 per cento. So che potrei sembrarti matta, ma io sono certa che un giorno Dio porterà giustizia e chi avrà enormemente sofferto in questa vita avrà tutto ciò che gli è stato tolto. Dio dice che conserva tutte le nostre lacrime... tutte, nessuna va persa e un giorno, un giorno non solo le asciugherà definitivamente, ma vedremo gioire chi qui sulla terra è stato vittima di ingiustizie.
    Può sembrare ad alcuni una magra consolazione, dopotutto stiamo vivendo ora, eppure la nostra vita è come un soffio, e sapere che c'è la Vera Vita ad attendere chi ha il cuore in Cristo e ad attendere persone con vite drammatiche, mi riempie il cuore, nel frattempo che tento con il Suo aiuto, di combinare qualcosa, di amare il prossimo in questa vita.
    Spero di non infastidirti con questo commento, mi è sorto dal cuore...
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Vivy, le tue parole sono tutt'altro che fastidiose, che dici!!! Ricordarci che non siamo certo noi a poter fare la vera giustizia permette anche di cominciare a perdonarmi, per non aver saputo cogliere determinati segnali per tempo.
      Permette di guardare un po' più in là.
      Ma , confesso, la rabbia più che umana è proprio troppa.
      Ti racconto un episodio, ben conscia che "fede" non equivale a "prete", ma magari quest'ultimo potrebbe essere considerato simile a un tramite, un facilitatore, un sostegno... sentirsi dire "questo è ciò che la vita ti ha riservato, è quello il tuo posto" mette a dura prova la fede in quella giustizia che noi tutti spereremmo, per il futuro, non qui, non ora.
      Invece le tue parole sono fresche e positive, ti ringrazio di cuore!

      Elimina
    2. Ne sono felice, e allora ringrazio Dio per questo, prego sempre che mi aiuti a esprimermi perchè non vorrei mai ferire i sentimenti di qualcuno, e Lui è grande! :)
      Hai ragionissimo, per esperienza so che fede non equivale a prete o a religione. Noi uomini siamo fallibili, e a volte la fede diventa una "routine" o una cosa che è giusto avere, perchè è così che ci insegna la "cultura". E questo può distanziarci da quello che è Dio, dal sentire non la voce degli uomini ma la Sua e questo può capitare a chiunque.
      Comprendere tutto per noi è impossibile, anche la Bibbia ci dice che solo un giorno "Lo vedremo faccia a faccia" però se c'è una cosa certa è l'amore di Dio. Noi uomini non possiamo comprenderLo è immenso! E Lui nella Bibbia dice : "Oh fosse la mia testa piena d'acqua, e i miei occhi una fonte di lacrime!" Dice che piangerebbe tutto il giorno per i "Suoi uccisi". E' un passo che mi ha toccato moltissimo perchè sembra che Dio voglia dire che desidererebbe avere una testa per poter piangere. E' chiaro che è simbolico, ma appunto è per farci capire quanto sia sensibile alle ingiustizie e al male del mondo. Lo è sempre stato. Dio,però essendo Dio, ha davanti a sé il disegno completo. E' come se tu sei il pittore, o anche uno scrittore perchè no, sai già il finale della tua opera, giusto? Ammiri già con meraviglia il tuo capolavoro, e sai già che le persone che apprezzano l'arte, quando "scoprirai" il telo per mostrarlo, ne rimarranno ammirati e saranno felici di vederla.
      Ecco, noi passiamo per questa vita, e la nostra visione dell'opera di Dio è estremamente limitata, quindi Dio in qualche modo vuole aiutare chi soffre dicendo: Sono qui! Le sofferenze che stai passando non sono nulla di paragonabile alla tua Gloria futura, solo: credi! :)
      Ed io credo immensamente completamente nell'amore di Dio, e vedrai che un giorno, forse a partire da questa terra in questa vita, queste persone avranno un grande sorriso, avranno ciò che hanno perduto. :)
      Ti abbraccio forte e grazie a te!

      Elimina
    3. Grazie per questa riflessione. Ti abbraccio ^_^

      Elimina
  17. Hey, attenta alle oche, sono pericolose!
    Grazie per questa menzione, non me l'aspettavo. Un abbraccio a te e alla tua amica, ho già letto il post dopo quindi so che verrà tutelata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono agguerritissime !!!
      Mi fa sempre piacere condividere le cose belle... dovrò inventarmi altro ancora per nominarti più spesso ?? ^_^

      Elimina

lascia un segno del tuo passaggio ^_^
mi piace sapere cosa ne pensi e chi sei... quindi firmati
altrimenti rischi che le tue parole finiscano nel cestino
senza che io me ne accorga!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...