giovedì 5 dicembre 2013

piccolo sfogo di una mamma che sta per impazzire

Io lo ammetto. Questo è un periodo un po' complicato e ricco di impegni, appuntamenti, riunioni, incontri aggiuntivi alle attività extrascolastiche, sport, colloqui, aria di pagelline, calzetti che sbucano da ogni dove (sporchi e puzzoni, come pochi al mondo), magliette che desiderano ardentemente di finire sotto al ferro da stiro... un po' di caos familiare e sbandamenti in corsa. Ma in fondo questo è il bello della vita, in una casa abitata da cinque individui ricchi di interessi, sbadati e molto indaffarati, nessuno escluso.

Lo ammetto, un po' me la sono cercata, per questo la amo ancora di più, la mia vita impostata sullo stato di centrifuga perenne. E poi mi sono inventata questo angolino di Rete in cui parlare a sproposito e senza ritegno di ciabatte che svaniscono e poi riappaiono, di violenza sulle donne, di biscotti profumati e di lavoro (ok, questo è un po' folle...). 

Sì, me la sono cercata.

Ma ieri siamo arrivati all'ultimo briciolo della mia lucidità.


Premetto che ero al lavoro, già questo presuppone una modalità io-non-sono-mamma-moglie-donna, ma sono-un'operatrice-senza-altri-pensieri concentrata sulle quattromilacinquecentosettantatrè problematiche che ieri pomeriggio si sono materializzate davanti ai miei occhi, con conseguenti settecento discussioni senza fondo.

Squilla il cellulare. Ma chi diavolo è? tutti quelli che mi conoscono e potrebbero chiamarmi, sanno che sono al lavoro!  
Pensiero numero due di una mamma che è al lavoro e che sa che ci può essere solo un motivo per essere contattata adesso. E' successo qualcosa: un cataclisma, una tragedia, un incidente.

E non ditemi che sono esagerata. Pazza, ma non esagerata, ho i miei buoni motivi.

Il display cita, senza motivo apparente PEDIATRA ...uno strisciante dubbio si insinua tra me e il cellu, ma a questo punto decido di rispondere. La prossima settimana il medio ha il controllo medico che ci farà conquistare il certificato di "stato di buona salute", per poterlo poi iscrivere al corso di atletica. Senza quel foglio non lo si può iscrivere, senza iscrizione non si può partecipare a nessuna lezione. Questo agognato appuntamento ci è stato fissato quasi un mese e mezzo fa...ho il terrore che me lo spostino ancora più avanti. Perché, diciamocelo: quante probabilità ho  che si tratti di anticiparlo??? La rassegnazione oramai è una sorella, per me.



Ma c'erano ben altre novità ad attendermi, ad allietare la mia agenda così scarna e desertica...

La gentilissima segretaria (perché bisogna ammettere che ambasciator non porta pena: lei ha l'ingrato compito di comunicare, stop) mi ha contattata per comunicarmi che la normativa è cambiata proprio in questo periodo: anche per un certificato di banalissima buona salute (ok, non è tanto banale, ma abbiate pietà: non si tratta di agonismo, di maratone...) è necessario effettuare un elettrocardiogramma. Comeeee? Sì, entro l'undici dicembre devo portare il medio a sottoporsi a ecg, ottenerne l'esito e presentarmi al controllo dalla pediatra.

Posso dire che mi sta passando la voglia di far fare alcuna attività sportiva ai miei figli? me lo concedete?

La disponibilissima segretaria mi ha anche fatto qualche nome di strutture convenzionate, onde evitare di iscrivere il medio la prossima estate, visti i tempi biblici della nostra azienda sanitaria.

...no, non serve l'impegnativa, vada direttamente là.

Stamani, quindi, ho contattato una di queste cliniche, ho prenotato e ho chiesto i dettagli sulla prestazione.

I miracoli esistono: domani nel primo pomeriggio questo ecg verrà fatto, tutto sistemato. Mi sono lamentata per nulla (quasi). 

A conti fatti, quest'anno, la sola attività sportiva del figlio medio mi verrà a costare quasi quanto se ne avessi iscritti due.

Io non ho parole.

31 commenti:

  1. Sei unica! <3 Baci! Grazie mille dei tuoi commenti ai miei post che mi riempiono di gioia!
    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola!! Grazie a te!! <3
      Mi rendo conto che i miei commenti possono sembrare da pazza, quando lascio quelle sintetiche parole: ma sono sempre infinitamente ammirata dalla tua bravura, abilità, sia nelle tecniche , che nell'accostamento di colori e materiali! Quella super sei tu ^_^ !

      Elimina
  2. Ciao Carla, che giornata "leggera" che hai avuto!
    Comunque mi piace sempre molto il tuo modo di scrivere qui sul blog, è molto coinvolgente...ero lì a chiedermi come te: "e ora cosa sarà successo? chi sarà al telefono?" :D:D:D:D
    Cambiando argomento grazie mille per i tuoi commenti sempre carini sul mio blog e volendo puoi aggiungere anche dei pinoli alle mele al forno :)
    Un abbraccio

    Sabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sìììì! Ce li ho!!! E' fatta: metterò un po' meno uvetta ("mr e mrs rompianime", qui hanno sempre qualcosa da obbiettare sulle uvette -_-" ) e un po' di pinoli...grazie! ^_^
      Mi fanno molto piacere i tuoi complimenti: chi vive accanto a me e mi deve sopportare ore e ore dal vivo probabilmente non sarebbe così magnanimo U_U !!!
      A presto Sabry! ^_^

      Elimina
  3. Ma quindi serve l'elettrocardiogramma anche per le attività non agonistiche? Un mese fa ho portato Bimba dal pediatra per lo stesso motivo: il certificato medico per la scuola di danza, ma evidentemente la norma è cambiata di recente..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te l'ho detto che rassegnazione è mia sorella, ora però non giriamo il coltello nella piaga! ^_^
      Anche un mese e mezzo fa non mi avevano detto nulla a riguardo, secondo me stavano solo aspettando che mi sentissi vicina al traguardo, per cambiare tutto U_U !

      Elimina
  4. Mamma mia cara, che stress! Q_Q come fate voi mamme a gestire millemila pensieri e responsabilita' alla volta non lo so... veramente certe volte si arriva molto vicini al punto di sclero! lo dico pure per mamma mia che vive stressata, un po' mi dispiace U_U povera...
    Per fortuna sei riuscita a risolvere... ma me l'aspettavo, tu sei troppo una brava mamma :* un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Barbara! Sai che la pensavo come te, prima dei 23 anni? Dopo essermi sposata, un po' alla volta, ho capito che la vita è un vero caos, che non avrei più potuto vivere senza un paio di agende, che il tempo libero sarebbe stato nella mia wish list... ma nella quotidianità, le cose possono essere affrontate solo una alla volta, possono essere fatte solo una alla volta. Questa limitatezza aiuta a sopravvivere!! ^_^
      Ma finché puoi, aiutala, quella santa mamma! ^_^

      Elimina
    2. Hai proprio ragione e infatti bisogna sempre aiutare le mamme, loro povere, stanno sempre con la testa sopra mille cose...
      Ti volevo dire che ho letto il tuo commento sull'olio di mandorle per gli smalti, grazie mille per aver provato! Appena riesco prendo l'olietto pure io e ci provo :) un bacio ancora*

      Elimina
    3. Sì sì, poi magari ci dici come ti trovi, tu che lo testi sicuramente con più frequenza! Grazie ^_^

      Elimina
  5. Eh Carla...si può dire che la nostra società e' basata sulla famiglia e per semplificarle la vita no??.?. Tutto assurdo...tu sei un bulldozer che risolve tutto! Tanto di cappello Carla io a volte impazzisco e ne devo gestire solo 1 con i suoi piccoli impegni da bimbo treenne ( una volta noi non eravamo così impegnati)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laura, ma hai cambiato foto??? Bellaaa!!
      Circa tre anni fa una mamma di quattro bimbi mi ha confidato: io li penso a coppie. Tanto per farti capire: le cose non sono più complicate, sono solo di più! Ma quanto è bello??? Uno, due, tre, quattro...è amore puro ^_^ !!

      Elimina
    2. Ehhh si! In realtà volevo metterne un altra ma non la trovavo U_U beh io spero di arrivare a 2 ! Poi mi fermo altrimenti qui non ci stiamo U_U

      Elimina
  6. ti capisco a volte le cose si concentrano tutte insieme ...un delirio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, è già bello sapere che siamo in tante!! ^_^

      Elimina
  7. Ciao Carla ti capisco anche io ho tre ragazzi e quest'anno ho fatto questo per il mio secondo che gioca a calcio.... se non ci fossero le mamma!!! Bravissima Carla...ti abbraccio Simona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sììì: forza a noi mamme super!!!

      Elimina
  8. Risposte
    1. Oggi è una bella giornata, oggi è una bella giornata, oggi è una bella giornata
      oooohmmmmm
      oooohmmmm

      Elimina
  9. Quanto capisco la situazione medica. Io per essermi fatta male ad un ginocchio, sono rimasta bloccata per due mesi e poi tra risonanza (che non ho potuto fare in ospedale perchè ci volevano secoli) e fisioterapia, sto spendendo come se me lo fossi lesionata ed operata.
    Buona serata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nuuooooo Sara, non farmici pensare... io sono proprio allergica a ospedali, visite, controlli...fortunatamente non per me, ma ho parecchio a che fare con queste faccende...sempre e solo rogne. Ma non dovrebbero aiutare chi vive una situazione di sofferenza, di bisogno, ...? mha...
      Comunque spero ora le cose siano a posto, con il ginocchio... ^_^

      Elimina
  10. Ho letto il tuo sfogo e mi consola sapere che non sono l'unica pazza furiosa in corsa perenne che avrebbe bisogna di almeno 12 ore in piu' ogni giorno x fare tutto..mi chiedo:arrivera' finalmente un momento di calma?e possibilmente prima di avere 70 anni?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questi interrogativi mi assillano come succede a te, senza trovare una risposta... anzi, direi che non ho nemmeno il tempo per cercarla, una risposta sensata ^_^
      Ho visitato il tuo blog: carinissimo!

      Elimina
  11. Carla, sei troppo forte! Ma non è forse la pazzia delle donne a renderle così brave a risolvere tutte le situazioni? E poi, diciamocelo, ogni tanto la fortuna ci viene in aiuto, esistono i miracoli e allora tutto si sistema con meno sforzo di quanto temessimo :-) il sistema non aiuta per niente, ma noi siamo più forti!!!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti!!! Ogni tanto penso che se noi donne fossimo persone normali, non ce la faremmo a fare tutto!!
      E poi...sì, un piccolo, ma piccolo aiutino dalla fortuna...perché no? ci salva all'ultimo istante ^_^

      Elimina
  12. Sei troppo forte! E quanta ragione hai !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo momento mi sento lievemente molliccia, ma grazie!!! ^_^
      Non essere da sola è già da solo un buon motivo per insistere!!!!

      Elimina
  13. Veramente, non so come facciamo a sopravvivere a certe giornate...ma ce la faciamo sempre....per ora.... =)
    Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo fortissime, ecco il perché !!! ^_^

      Elimina
  14. E un piccolo aiutino dai mariti?? Ne vogliamo parlare?? o_O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne parlerei volentieri, ma (ssshhht!) lavora al mattino prestissimo (4-5-6) oppure di notte...non mi è molto utile, diciamo... U_U

      Elimina

lascia un segno del tuo passaggio ^_^
mi piace sapere cosa ne pensi e chi sei... quindi firmati
altrimenti rischi che le tue parole finiscano nel cestino
senza che io me ne accorga!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...