lunedì 4 novembre 2013

storie di ditini

Dove eravamo rimasti? Se volete sapere come iniziò la storia della Mamma Papera e dei regalini dei bimbi duenni-e-mezzo (...oramai-quattrenni...) trovate qui la prima parte.

Allora, il bimbo ora quattrenne è molto felice e soddisfatto di essere finalmente diventato grande. Anzi, a dire il vero... è diventato medio.


E' così felice di aver regalato i suoi ciucci alle paperine, che non ha potuto resistere: ha raccontato tutta la vicenda ai suoi amichetti altrettanto-treenni e quattrenni...che invidia, ragazzi!! Anche loro vorrebbero tanto portare un regalino a quei paperini che adesso nuotano allegramente dietro alla Mamma Papera, lungo il corso d'acqua. 

Ma come si può fare?

Molti bimbi non usano il ciuccio! 
Alcuni semplicemente si lasciano cullare dalle dolci favole che mamma o papà leggono alla sera. 
Altri utilizzano il loro fidato e comodissimo...ditino!!

Mentre i primi sono già grandi (oppure medi...dipende...), i bimbi ciucciaditini sono un po' delusi: mica possono svitarsi il loro amato passatempo e donarlo a qualcuno, per diventare grandi!! E allora, come possono crescere anche loro? E come possono regalare qualcosa alla famigliola paperina?

Attenzione. Questo passaggio è un po' difficile...

La conoscete voi, la Fatina dei denti? Quella che veglia sui sorrisi dei bimbi, affinché restino sempre bianchi, sani e ordinati? Proprio quella che porta in tutte le case le goccioline e poi le pastigliette di fluoro, quella che scopre sempre tanti dolci gusti nuovi per il dentifricio dei bimbi, visto che quello di mamma e papà pizzica molto sulla lingua. Sì, proprio lei, ve la ricordate, adesso, no?

E' sempre lei che si occupa di ritirare i dentini bianchi dei bimbi, quando cadono (e i dentini che cadono sono proprio una cosa da grandi: avete visto che sorrisi splendidi hanno i bimbi delle scuole elementari?).

La Fatina dei denti, quindi, raccoglie tutti i dentini che cadono, per portarli alla Mamma Papera: eccolo lì il regalo più facile, che possono fare tutti i bimbi! ma proprio tutti, eh!

Ma alla Fatina servono solo i dentini belli, bianchi e dritti!! Mica quelli stortarelli dei bimbi ciucciaditini...
La Mamma Papera, infatti, i dentini storti non li vuole nemmeno vedere!
A lei, quei dentini, servono per segnare lo spazio dove i suoi amati paperini possano giocare in libertà, senza rischiare di cadere in una buca o di finire sulla strada trafficata. Ma, se i dentini sono stortarelli o sporchini, non si vedono neanche un pochino tra l'erba, al calar del sole!!



I dentini che Mamma Papera desidera sono belli, bianchi come la neve, dritti come paletti, e ben puliti!!!

Per aiutare Mamma Papera a segnare lo spazio per i giochi dei paperini, la Fatina dei denti ha trovato un modo dolce e carino. Volete sapere cosa si è inventata?

Per trovare tanti dentini belli dritti, bisogna aiutare i bimbi ciucciaditini a non mettere più in bocca il loro ditino. E come?

Ogni volta che un bimbo dorme senza ciucciare il ditino, la Fatina dei denti lascia una perlina dolce, o un confettino al bimbo bravissimo, proprio lì, accanto allo spazzolino da denti! E poi, siccome la Fatina è davvero una furba, fa trovare sul cuscino del bimbo ciucciaditino un bel pupetto-paperino bisognoso di coccole, così quel ditino sarà nottetempo occupato a fare altro e si scorderà della bocca!

Ma come fa, poi, la Fatina dei denti a essere sicura sicura sicura che quel ditino lì non andrà a finire in bocca? Lei veglia sempre sul sonno dei bimbi, per assicurarsi che i dentini restino belli dritti!! Non la sentite mai, alla sera, mentre intona una dolce ninna nanna?

La sua borsa, poi, è sempre piena di confettini, perché lei è sempre alla ricerca di bimbi bravissimi che vogliono diventare grandi!

Immagine tratta da "morbidi cuccioli" di crealibri ed.

Aggiornamento dopo la prova del nove, ossia la lettura di questa storia al nano piccolo. Lui ci tiene a farmi precisare che questa storia è totalmente di fantasia, visto che qui passa il Topolino magico a ritirare i dentini e a lasciare una monetina, lo si riconosce perché ha gli occhi gialli che illuminano la cantina e per la cassaforte che si porta appresso. Ora penso di potervi salutare... ^_^

12 commenti:

  1. Che carina questa storia :-)
    Samuele ha sei anni, quasi sei e mezzo, e ciuccia ancora. Io avevo provato con una storia trovata in rete e molto carina, devo avere un post dedicato al pollice da qualche parte. Avevamo anche realizzato un vestitino al dito ma è durato poco... dopo 10 giorni ciucciava di nuovo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Claudia! Il mio medio ciucciava il dito e finchè non è venuto il momento giusto (per lui) ha continuato imperterrito. Penso che la questione ditino sia un po' diversa dal ciuccio, anche se sono simili. Il ditino è una forma di autoconsolazione molto intima, non sempre controllabile, nemmeno dai pargoli. Prima o poi smettono, si spera prima che il ditino si consumi ^_^

      Elimina
    2. beh sì, anche se dito e ciuccio servono allo stesso scopo: ovvero autoconsolazione.. Il fatto è che il ciuccio lo si può far sparire... il dito no :-D

      Elimina
    3. intendevo proprio questo: il ditino è sempre lì... ^_^

      Elimina
  2. Hai raccolto la "sfida", eh! Io ci provo... poi ti farò sapere! Intanto grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma eccoti qui!! L'idea mi è venuta stamani attraversando il ponticello, poi si è delineata la storia mentre stiravo. Si è definitivamente compiuta con il sottofondo del "Dr House"...ci capiamo, no? ^_^
      Spero sia simpatica quanto basta...ma mi sa che quel ditino avrà bisogno di arrivare al momento adatto, per essere abbandonato al suo destino ;-) Buona fortuna !!!

      Elimina
  3. Ciao Carla, ti ho già parlato delle età improponibili delle mie ciuccia-dito...spero che il momento giusto arrivi anche per la seconda! =)
    Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai dire mai ^_^
      Una mia cugina ha iniziato le scuole medie ancora dito-dipendente...non è facile...ma prima o poi... O_o

      Elimina
  4. ihihi che furbetto il tuo nano piccolo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e guai a contraddirlo!! ^_^
      Buona giornata!!

      Elimina
  5. ciao cara non sono mamma ..sono zia di due splendidi bimbi (diciamoci la verità li sento un po anche miei :) ) mi piace molto il racconto ..cmq i miei nipoti non hanno avuto problemi con il ciuccio lo hanno tolto subito .. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buondì!
      Anche i miei altri due ciucciodipendenti non hanno avuto difficoltà...e nemmeno i miei adorati nipotini, a dire il vero...
      Mi sembra che sia proprio il ditino a restare più a lungo...proprio perché è sempre lì!!

      Elimina

lascia un segno del tuo passaggio ^_^
mi piace sapere cosa ne pensi e chi sei... quindi firmati
altrimenti rischi che le tue parole finiscano nel cestino
senza che io me ne accorga!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...