giovedì 19 settembre 2013

ciò che si è salvato dalla fotocamera "posseduta"


Chiedo subito venia per la scarsità di materiale fotografico. Sappiate che la macchinetta maledetta pagherà con la vita il suo scherzetto...

Il viaggio di tre ore e mezza abbondanti è filato via liscio, soprattutto per la partenza intelligente delle 6,15.
La mia navigatrice si è dilettata a scattare alcune fotografie lungo il tratto Verona-Bolzano, molto pittoresco tra le nuvole e le montagne. E i ponti che incrociano l'autostrada. Li ha ritratti praticamente tutti...ve li risparmio.


 Questa è stata la sorpresa che abbiamo trovato quando siamo scese dall'auto: a 10 centimetri dal fanale anteriore destro si trovava una piccola lumachina...dopo tutto quel viaggio...che stoooria!

Eccoci dentro la fiera...nel corridoio...dove ci sono i bagni...tanti bagni...



Questa è la prima vista sugli stand...luci, colori e già una piccola folla.

Qui si vedono i mega cestoni/sacche che vengono fabbricati intrecciando le pagine dei quotidiani piegate in strisce di pochi centimetri...come fosse vimini. Poi verniciate/impermeabilizzate...
Sempre qui, si potevano trovare cestini e piccole costruzioni (fiori, piattini, spille, orecchini...) ottenuti dall'intreccio di cannucce (quelle per le bibite)...sembravano piccoli origami coloratissimi!



In queste foto si vedono le collane più stravaganti della fiera. Sono infatti ottenute dall'incontro di guarnizioni e i blocchetti delle taglie di abbigliamento (solitamente si trovano attaccate alle grucce, nei negozi), oppure dall'assemblamento delle linguette delle lattine (moooolte lattine...) tramite fili di cotone colorato. 
I primi piani sono andati perduti...ma ho l'indirizzo del blog della creatrice: maracanta, ossia Lorena Bombardelli, dove si trovano anche molte altre cosette carine.



"Che è sta roba?", direte voi...
Secondo me è la parte più simpatica dell'allestimento: nell'area degli stand si potevano trovare tre o quattro angoli allestiti in questo modo, con pareti, panche, poltroncine e tavolini realizzati con i pallet ("progetto crazy pallet" non a caso...). Rispecchiano esattamente lo spirito della manifestazione, anche solo per un attimo di relax!


E così la giornata è volta al termine. Il rientro è stato tranquillo come l'andata, ma con un pizzico di pioggia in più. La mia navigatrice si è limitata a fotografare la notte, commentando "guarda:possiamo dire che c'erano gli ufo!". 
Esagerata.

Al di là della grandezza della fiera stessa, di cui ho citato i link qui, ho voluto riportare il mio personale punto di vista. Sono molto interessata a tutto ciò che prevede l'utilizzo di materiali comuni, magari di scarto, invece che ai classici oggetti belli e simpatici che si trovano ovunque.

Nota
Ho avuto un problema tecnico con la fotocamera, che si rifiutava categoricamente di scaricare le fotografie, poi di accendersi, poi non collaborava ancora. Mi scuso ampiamente per aver detto gatto senza averlo avuto nel sacco, per aver fatto i conti senza l'oste, per aver messo il carro avanti ai buoi...insomma per aver dichiarato il falso promettendo un reportage  a mo' di Passaggio a nord-ovest e poi aver postato 'sta schifezza che non esiste paragone tanto raccapricciante.  

8 commenti:

  1. A volte le fotocamere fanno brutti scherzi, capitato anche a me!

    RispondiElimina
  2. Anche dalle mie pari le fotocamere sono bizzose.. succede.. bisogna prenderla con filosofia :) Buona giornata Carla e comunque il post è interessante lo stesso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie molte dell'appoggio, spero comunque di avere reso l'idea! :-/

      Elimina
  3. Reportage interessante... mi ha fatto venire voglia di pallet e vasi di fiori per un angolo della mia casa che proprio non sapevo come valorizzare!!!
    Grazie e a presto. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...trovi anche tu che siano carinissimi?! Benvenuta qui da me! Grazie per la visita e complimenti per il tuo nuovo blog, ha un'aria molto romantica...e profumata! A presto Zia Ita!!

      Elimina
  4. Oh povera lumachina, prima di leggere credevo fosse una chewingum attacata al vetro!
    ti seguo, tu ti sei unita ai follower del mio blog? mi fa piacere averti tra i follower!
    A presto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. benvenuta Rachele! ..anche a noi sembrava una chewingum...ma che presa pazzesca, tre ore e mezza in autostrada!!! Detto fatto, sono già da te, grazie per la tua partecipazione qui!!! A presto!

      Elimina

lascia un segno del tuo passaggio ^_^
mi piace sapere cosa ne pensi e chi sei... quindi firmati
altrimenti rischi che le tue parole finiscano nel cestino
senza che io me ne accorga!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...