mercoledì 7 agosto 2013

piacevoli scoperte

Nella vita capita di incontrare persone molto diverse tra loro: qualcuno ci somiglia, qualcuno no, qualcuno con cui nasce subito l'intesa, altri con cui proprio non c'è feeling, chi è sempre impegnato, chi è più rilassato, alcuni eleganti, alcuni ruspanti, altri carini, taluni antipatici, e molti altri ancora.

Alle volte la nostra percezione non corrisponde a quella degli altri. Spesso non è definitiva, ma cambia nel tempo.

Grazie a differenti contesti, nell'arco della vita ci si ritrova con una serie di cerchie più o meno intime: gli Amici, gli amici, i conoscenti. 
Poi ci sono i colleghi, i compagni di studio o di squadra e i familiari. Questi ultimi gruppi non si scelgono. Capitano. Magari uno che è stato un buon compagno di scuola per 5 anni, poi prende una strada che lo allontana, se non è diventato un amico. Invece i familiari...restano parenti per sempre, può essere più difficile orientarsi tra loro.

Talvolta accade di non essere molto fortunati: ti ritrovi con un pugno di mosche nell'attimo più bello della tua vita. O peggio, in un momento di difficoltà.

Talvolta, invece, accade di essere fortunati: incontri lungo il tuo cammino alcune persone che sembrano essere destinate proprio a quell'incontro. Una di queste, magari, dividerà la sua vita con te. Forse per sempre. O forse no, capita.

Altre volte si viene sorpresi da persone che in realtà non sono nuove conoscenze, semplicemente la vita non vi ha dato l'occasione di conoscervi bene al primo impatto, ma in seguito le cose cambiano: si tratta di sorprese che capitano per caso, di incontri che lasciano il segno.
A me è successo.

Sono sposata da 13 anni, quindi da 13 anni il mio parentado si è allargato (parecchio, a dire il vero).
Ancora non conosco parte dei nuovi parenti. Altri non li ho proprio mai visti.

Devo però riconoscere a una giovane-nuova-parente il titolo di piacevole scoperta "in ritardo": fino a qualche mese fa non c'era stata per me l'occasione di vedere tutta la sua bellezza e la sua dolcezza. Mi ha colpita molto quell'aura serena che si respira standole accanto. Ora questo è ancora più evidente, soprattutto vicina al suo compagno e alla piccolina che si porta dentro e che presto verrà al mondo per allargare la famiglia: uno splendido Dono tanto atteso. 
Sarà una mamma meravigliosa!

Alla piccolina ricordo solo di non far tribolare troppo la proprietaria della pancia, in questi ultimi tempi: "ehi! sei solo di passaggio lì, mi raccomando!".

Ti aspetto con gioia anche io, cara "dolce alien"!!   ;-)

2 commenti:

  1. Io, invece, ho quasi sempre avuto esperienze contrarie alle tue. Pensavo fossero persone piacevoli, ma al contrario si sono rivelate spiacevoli.ora con la maturità riesco più a valutarle per quelle che effettivamente sono. grazie per avermi inserito tra le tue letture dei blog preferiti. ti aspetto ancora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della visita Angela: vinci il premio speciale: "primo commento al mio bloggino"!!!
      Per esperienza so che il "pugno di mosche" non è affatto piacevole, che ci sia un evento importante o meno.
      L'importante è tenersi i ricordi belli (ce ne saranno, se no che amici sono stati?) e pensare che gli incontri di domani ci riservano sicuramente delle sorprese positive. Spero tu abbia un fiuto migliore del mio...che a furia di capocciate al muro sono diventata un fachiro ;) .
      Spulcia qui quando vuoi, sei la benvenuta!!
      firmatocarla

      Elimina

lascia un segno del tuo passaggio ^_^
mi piace sapere cosa ne pensi e chi sei... quindi firmati
altrimenti rischi che le tue parole finiscano nel cestino
senza che io me ne accorga!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...