lunedì 5 agosto 2013

olfatto sensibile

Finalmente ho un'ora libera (non me lo spiego nemmeno io).

Come non detto: avevo un'ora libera.


La figliolanza sta scontando un castigo a seguito di inenarrabili-e-imbarazzantissimi guai combinati durante il sonno del Papo, che lavora qualche notte e di conseguenza alcune malaugurate mattine desidererebbe anche riposarsi.

Quale peggior punizione che seguire con disciplina ferrea la madre-despota al centro commerciale? Per lasciare un po' di silenzio al nostro Lavoratore Notturno avevo pensato di portarli al parco, ma dove sta la punizione? Probabilmente quella a soffrire (38 gradi...) sarei stata io. 

Quindi...tutti in marcia!! 

Arrivati sul luogo della tortura, io-madre-inflessibile adocchio un negozio di make up che avevo visitato solo in rete: è fatta, abbiamo una destinazione! Iniziamo a strisciare tra gli espositori in religioso silenzio, nessuno osa uscire dalle righe. In fondo è una punizione con l'aria condizionata, che vi lamentate?

Poi una vocina squillante rompe il silenzio "Ma che puzza di femmine, qui dentro!".

2 commenti:

lascia un segno del tuo passaggio ^_^
mi piace sapere cosa ne pensi e chi sei... quindi firmati
altrimenti rischi che le tue parole finiscano nel cestino
senza che io me ne accorga!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...