domenica 11 agosto 2013

era così facile...

Serata in sagra. Evvivaaaa!!! Tutti in macchina. 

In auto, nei dieci minuti che servono a trasferirci dal garage al parcheggio del paese, le conversazioni vanno dalle aspettative sui compagni di classe che si potrebbero incontrare, al menù che oramai conosciamo a menadito (lo stesso classico da anni e anni), alle giostre che troveremo (sempre quelle, pure loro), ai premi della "pesca" che abbiamo vinto gli anni scorsi, alle speranze per i premi da portare a casa quest'anno...

Interrompo queste idilliache peregrinazioni della fantasia per ricordare (da mamma-rovina-atmosfera quale sono) che saremo in un bel parco, uno splendido grande spazio verde che non va imbrattato con piattini, fazzoletti, o bigliettini della pesca. Proseguo il sermone ricordando che ci sono dei volontari del paese che si occupano di rassettare raccogliendo dai tavoli le stoviglie e tutto quello che c'è da buttare. Non è il caso di seminare i nostri rifiuti tutto attorno al tavolo...e oltre.

Tutto chiaro?? Sì, mamma-spegni-entusiasmo, sì.

Attimo di silenzio (silenzio...) per ritrovare l'argomento interessante. A interrompere la pausa ci pensa il nano piccolo, pescando nella memoria e facendo un rapido collegamento.

"Ma io un giorno ho visto un cagnolino con la coda come una scopetta (un volpino, per capirci), è un cane pulitore. Lo portiamo anche lui?".

Pratico. Ovvio. Come hanno fatto a non pensarci quelli della sagra?

Nessun commento:

Posta un commento

lascia un segno del tuo passaggio ^_^
mi piace sapere cosa ne pensi e chi sei... quindi firmati
altrimenti rischi che le tue parole finiscano nel cestino
senza che io me ne accorga!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...